L'occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo, 1911-1943


L'occupazione italiana della Libia
Violenza e colonialismo, 1911-1943

a cura di Costantino di Sante e Salaheddin Sury

29 settembre - 24 ottobre

Guarda la galleria fotografica dell'inaugurazione
foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 foto 5 foto 6 foto 7 foto 8 foto 9 foto 10 foto 11

La mostra, frutto di una ricerca negli archivi libici, si inaugura mercoledì 29 settembre alle ore 17.30 con la visita guidata del curatore Costantino di Sante. Nei giorni di apertura della mostra le visite guidate sono su prenotazione (0376 352706), all’interno del progetto alternanza scuola lavoro degli istituti mantovani.

Orari:
martedi, mercoledi e venerdi' 9.30 - 12.30 
giovedi' 9.30 - 12.30 / 14.30 - 18.30
sabato e domenica 14.30 - 18.30

L’UTOPIA COLONIALE
L’Italia e il suo impero

Ciclo di conferenze ed esposizioni
settembre - ottobre 2021

DEPLIANT INFORMATIVO

Il colonialismo italiano fonda le sue radici nelle mire espansionistiche dell’Italia liberale che, nel corso dell’ultimo ventennio del secolo XIX, avviò azioni diplomatiche e militari per entrare nel club delle potenze imperiali europee. La vicenda decennale delle terre africane, occupate militarmente e poste sotto amministrazione italiana, trovò il suo apogeo nelle guerre di conquista fasciste, che videro esacerbarsi le pratiche di violenza già sperimentate in precedenza e prodursi crimini efferati. Con la caduta del regime nel 1943 si poteva considerare finita l’effimera e velleitaria impresa dell’”impero”.

Eventi


12 settembre 2021, domenica
MANTOVA | Festivaletteratura
TERRA DI LIBIA
p.zza Sordello, ore 15.00 evento su prenotazione 
Simona Berhe con Veronica Fernandes


1 ottobre 2021, venerdì
MANTOVA | Casa del Mantegna
L'OLTREMARE DEGLI ITALIANI
via Acerbi 47, ore 15.30
Costantino di Sante

Ascolta la registrazione audio dell'incontro

Trascrizione dell'audio

effettuata automaticamente con la libreria di IA open source Faster Whisper

Leggi la trascrizione

[0.00s -> 13.24s] Buonasera a tutti, vi ringraziamo di essere venuti questa sera a questo primo incontro di un ciclo di conferenze sul colonialismo italiano.
[13.24s -> 28.72s] Oggi qui con noi c'è Costantino Di Sante, studioso di storia contemporanea, in particolar modo si è occupato Costantino Di Sante dei campi di concentramento italiani durante il periodo fascista e del colonialismo.
[28.72s -> 50.60s] Qui proprio su questo piano, in questi giorni, c'è la mostra L'Occupazione Italiana in Libia, realizzata e curata da Costantino Di Sante e da un studioso libico molto importante, recentemente venuto a mancare, Saladin Suri.
[51.26s -> 58.60s] Costantino Di Sante è direttore scientifico dell'Istituto di Libia.
[58.72s -> 71.86s] Costantino Di Sante è direttore di storia di Ascoli Peceno e consigliere, fa parte del comitato scientifico dell'Istituto Nazionale Parri di Milano.
[71.86s -> 85.96s] L'altra cosa che vorrei dire è che l'incontro di oggi è diviso in due parti, una prima parte in una lezione generale e una seconda parte riservata agli insegnanti,
[85.96s -> 87.96s] con un indirizzo pubblico.
[88.72s -> 90.40s] Un laboratoriale, possiamo dire.
[90.82s -> 94.08s] Lascio subito la parola al professor Costantino.
[95.64s -> 113.76s] Grazie a tutti quanti voi, all'Istituto, alla provincia di Mantua, al Comune, a chi ha permesso di poter realizzare questa mostra.
[113.76s -> 118.70s] Un grazie di cuore a Maurizio, a Giorgia e a Nicoletta.
[118.72s -> 122.62s] Grazie a tutti quelli dell'Istituto e a voi per essere qui questa sera.
[123.14s -> 137.00s] Cercherò di fare un discorso su alcune tematiche che secondo me sono importanti rispetto a come la storia del colonialismo, dell'oltremare degli italiani,
[138.80s -> 148.00s] abbia caratterizzato un pezzo di storia nazionale e purtroppo i motivi perché non è entrata nel dibattito nazionale,
[148.72s -> 159.80s] a tutt'oggi non è così presente, anche se negli ultimi anni sono usciti dei romanzi, ci sono state alcune pubblicazioni storiografiche importanti.
[159.92s -> 169.04s] Però, come sapete, c'è ancora un analfabetismo che ci pervade sulla storia del nostro colonialismo.
[169.04s -> 178.64s] Quindi cercheremo di indagare anche questo, ma partendo anche dalle cause di ciò che è stato il periodo coloniale e ciò che hanno immaginato.
[178.72s -> 186.18s] Voglio farvi vedere, se poi si sente male lo interrompiamo, però questo pezzo del documentario di Minoli.
[208.72s -> 211.86s] E non c'era da mangiare, non c'era niente.
[214.86s -> 221.88s] Nel mezzo c'è il posto dove impeccavano i musei di, o la gente che c'era nel campo di concentramento.
[222.30s -> 226.62s] Si metteva là, dove c'è quel ragazzo, e poi si impeccava.
[227.52s -> 231.40s] E li impeccavano davanti a tutti, così prendono le lezioni.
[234.64s -> 238.70s] E poi, fuori dalla caserma, c'erano i giudici.
[238.72s -> 249.44s] E poi, fuori dai cimiteri, uno qua, nella parte del sud, uno nella parte del nord, verso il mare, due terzi dei lirici sono stati supporti qua.
[254.86s -> 261.68s] In tutto il mondo, gli italiani hanno portato luci di civiltà e di fede, scoperto e percorse aspre contrade,
[262.10s -> 266.44s] dissodate terre, aperte vie e commerci, costruite strade e città.
[266.44s -> 268.44s] Se l'Italia avesse raggiunto prima la sua...
[268.72s -> 273.88s] Comunità nazionale, essa oggi possederebbe per virtù dei suoi pionieri il più vasto impero del mondo.
[274.48s -> 278.28s] Alla fine dell'Ottocento la corsa del colonialismo europeo è ormai agli sbuccioli.
[278.46s -> 282.70s] Imperi coloniali, come quello inglese e quello francese, si sono attestati in Asia e in Africa.
[285.06s -> 293.34s] L'ultimo nato tra gli stati europei, regno d'Italia, non vuole mancare a questa corsa l'accaparramento di territori e esemplificazione della potenza delle nazioni europee.
[293.60s -> 297.52s] Esclusi i numerosi tratti di costa africana già controllati dalle altre potenze,
[297.52s -> 299.86s] rimangono per gli italiani pochi obiettivi.
[300.04s -> 302.96s] Da un lato il torno d'Africa, dall'altro la tripolitania.
[303.68s -> 304.80s] Quale è il suo aspetto?
[305.60s -> 323.96s] Ecco, uso questo pezzetto del documentario di Minoli per poi andare a farvi vedere alcune delle considerazioni su quello che è stato il nostro colonialismo.
[325.64s -> 327.16s] Avete ascoltato?
[327.52s -> 344.00s] Il tono trionfalistico e anche retorico, la civiltà, gli italiani, l'ultimo paese imperialista europeo ad accaparrarsi le terre,
[345.06s -> 350.50s] che sarà un tema molto ben preciso nella storia anche della propaganda,
[350.50s -> 356.84s] su quale presentare i tratti caratteristici di tutti i colonialismi,
[356.92s -> 357.50s] ma in particolare...
[357.52s -> 362.30s] in particolare del colonialismo italiano, perché ricordiamolo che oltre ad essere il più tardivo,
[363.02s -> 368.12s] è stato il meno longevo, a parte quello tedesco, è stato il più diseconomico,
[368.62s -> 372.28s] perché rispetto a quando l'Italia ha investito sulle colonie,
[372.46s -> 378.54s] ha sicuramente ricevuto di meno, se pensiamo agli altri tipi di imperialismi.
[378.96s -> 383.96s] E poi è stato anche quello forse tra i più miopi, no?
[383.96s -> 386.96s] Perché noi non permettiamo a...
[387.52s -> 391.24s] gli indigeni di studiare, di creare una classe dirigente.
[391.34s -> 392.46s] Guardiamo anche all'oggi.
[393.02s -> 398.94s] Pensiamo alla Somalia, all'Eritrea, all'Etiopia, anche se in Etiopia siamo rimasti pochi per loro fortuna,
[399.02s -> 400.68s] abbiamo fatto dei danni inerrabili.
[401.20s -> 404.96s] Pensiamo alla Libia e in parte si può anche pensare all'Albania.
[405.30s -> 409.32s] Cioè tutte nazioni che sono tra virgolette quasi fallite, no?
[409.32s -> 416.74s] Con una mancanza appunto di strutture, di strutture amministrative e diremmo oggi di modernità.
[416.74s -> 420.68s] E questo è dovuto anche al fatto, ecco, pensiamo solo alla Libia,
[421.18s -> 427.28s] che permettiamo solo 4-5 libici di laurearsi, che poi vanno fuori a farlo.
[427.80s -> 430.56s] Se pensiamo invece, per esempio, al colonialismo inglese,
[430.96s -> 432.96s] cioè Gandhi va a studiare anche in Inghilterra,
[433.10s -> 435.86s] per non pensare a quello francese, alla struttura burocratica.
[435.94s -> 442.94s] Ecco, le nostre colonie, le nostre colonie sono state caratterizzate anche da questo tentativo
[442.94s -> 446.32s] di mantenere un basso livello di istruzione. Perché?
[446.74s -> 451.44s] Perché il nostro doveva essere un colonialismo demografico.
[451.88s -> 453.52s] Noi dovevamo esportare braccia.
[454.26s -> 459.56s] E quindi i colonizzati dovevano servire ai coloni per lavorare la terra soprattutto
[459.56s -> 466.36s] o per stare, diciamo, dentro quelle che erano le organizzazioni commerciali, industriali
[466.36s -> 472.10s] e soprattutto agricole che noi intendevamo impiantare in quei territori.
[472.76s -> 476.56s] Salto alcuni passaggi, anche qui avete letto, diciamo, più o meno una definizione
[476.74s -> 484.24s] di colonialismo anche rispetto agli interessi industriali che tutti i economici e via dicendo
[484.24s -> 489.08s] che gli interessi, diciamo, soprattutto per sostenere il sistema industriale.
[489.74s -> 493.40s] Se pensiamo anche oggi al neocolonialismo non è che è cambiato molto.
[493.66s -> 499.56s] Basta pensare di come da gran parte delle miniere di paesi africani
[499.56s -> 505.56s] manteniamo in piedi questi oggetti che sono diventati una nostra protesi della vita quotidiana.
[505.56s -> 506.56s] Per non pensare...
[506.74s -> 510.76s] Per non pensare anche quando parlo, diciamo, della Libia che quando accendiamo il gas
[510.76s -> 517.48s] quasi ormai il 60% in cui riscaldiamo le nostre case arriva dal territorio del Nord Africa
[517.48s -> 522.74s] in particolare dalla Libia e Leni è il nostro vero ministro degli esteri in quei territori.
[523.60s -> 524.98s] Petroglio e via dicendo.
[525.72s -> 531.74s] E stesso discorso, ecco, quindi le cause in cui il colonialismo europeo arriva a dividersi
[531.74s -> 535.74s] e poi a decidere di come utilizzare...
[536.74s -> 540.36s] questi territori per il proprio sviluppo sono abbastanza chiari.
[540.50s -> 543.96s] Poi parlo anche per gli insegnanti di questo materiale e lo darò a Giorgia
[543.96s -> 547.40s] quindi avete anche l'opportunità di poterlo utilizzare.
[548.00s -> 552.00s] È un passaggio fondamentale quando si parla di colonialismo naturalmente europeo
[552.00s -> 554.30s] che è anche un grande rimosso degli altri paesi
[554.30s -> 561.28s] anche se lì il dibattito, poi lo vedremo perché, magari è stato più presente rispetto all'Italia.
[561.78s -> 565.08s] Sicuramente non si può non ricordare il congresso di Berlino.
[565.08s -> 565.86s] E'...
[565.86s -> 566.08s] Fine...
[566.74s -> 571.04s] 1884-1885
[571.04s -> 574.52s] in quale si dividono grandi potenze coloniali, no?
[574.68s -> 580.14s] Questo territorio e vedete che l'Italia aveva già la sua primogenita, no?
[580.58s -> 585.92s] Colonia nell'Eritrea e poi arriverà la Somalia
[585.92s -> 590.48s] e rinerranno, diciamo, libere a un certo punto solo l'Etiopia
[590.48s -> 594.28s] che dopo la prima guerra mondiale entrerà a far parte anche della società delle nazioni
[594.28s -> 594.98s] e la Libia.
[595.62s -> 596.08s] In verità...
[596.74s -> 600.22s] Gli italiani più che conquistare la Libia avevano in mente la Tunisia
[600.22s -> 604.22s] ma poi lo cosiddetto schiaffo di Tunisi da parte dei francesi
[604.22s -> 606.12s] perché la Tunisia?
[606.62s -> 612.02s] Perché in Tunisia vivevano, lavoravano all'epoca diverse migliaia di italiani
[612.02s -> 617.22s] quindi sembrava quasi, come dire, un fatto naturale
[617.22s -> 619.08s] che l'Italia rivendicasse la Tunisia
[619.08s -> 625.26s] ma i francesi questo accesso a questo territorio non lo danno
[625.26s -> 626.72s] e quindi rimane lì.
[626.74s -> 629.98s] E' libero quello che poi Salvemini chiamava il grande scatolone di sabbia.
[630.56s -> 635.18s] E quando parliamo di colonialismo italiano
[635.18s -> 637.56s] ecco, possiamo dividerlo
[637.56s -> 640.62s] vado molto veloce in questa fase
[640.62s -> 644.02s] in quattro grandi fasi, no?
[644.68s -> 648.74s] Sicuramente l'epoca liberale del Pretis a Crispi
[649.34s -> 654.20s] che ha a che fare con la prima colonia, come dicevamo, nell'Eritrea
[654.20s -> 656.20s] ha i primi investimenti anche commerciali
[656.74s -> 661.58s] e spesso il colonialismo, non solo italiano, sono grandi finanzieri
[661.58s -> 664.32s] con grandi compagnie commerciali
[664.32s -> 667.40s] e naturalmente chi ha degli interessi veri
[667.40s -> 673.82s] e in parte anche alcuni circoli, poi lo vedremo, che nascono nazionalisti
[673.82s -> 677.36s] di stampo coloniale.
[677.40s -> 679.72s] E poi Crispi, il periodo Crispino
[679.72s -> 684.40s] di fare, diciamo, un'Italia seppur giovane di unità
[684.40s -> 686.56s] una posta di un'unità, una posta di un'unità
[686.56s -> 686.60s] una posta di un'unità, una posta di un'unità
[686.60s -> 690.30s] una posta al sole per questa grande potenza che doveva diventare l'Italia
[690.30s -> 696.46s] che poi si abbatte, si ferma con la sconfitta di Adua
[696.46s -> 700.56s] 1896, e quella sconfitta pesa molto
[700.56s -> 703.36s] perché la sconfitta di Adua fa sì che quest'idea
[703.36s -> 707.04s] di un colonialismo italiano al pari delle grandi potenze europee
[707.04s -> 709.98s] fosse, come dire, quantomeno accantonato
[709.98s -> 713.40s] per la prima volta un esercito di bianchi
[713.40s -> 715.88s] molto più, diciamo,
[716.60s -> 719.46s] da un punto di vista delle armi avanzato
[719.46s -> 722.32s] viene sconfitto da un popolo di indigena
[722.32s -> 725.44s] e poi l'età giolichiana, l'età giolichiana che, come sapete
[725.44s -> 728.96s] anche dentro questo periodo
[728.96s -> 731.24s] che qui nella mostra troverete
[731.24s -> 734.72s] approfondito in questi pannelli
[734.72s -> 736.40s] ricordiamoli, cento anni fa
[736.40s -> 740.12s] 29 settembre 1911
[740.12s -> 743.50s] partiva l'impresa di Libia, la guerra italo-turca
[743.50s -> 746.46s] che gli ottomani che controllano in particolare la costa
[746.60s -> 748.04s] della Libia
[748.04s -> 751.68s] e, come sapete, poi le motivazioni perché Giolitti decide
[751.68s -> 754.98s] di andare a conquistare la quarta sponda
[754.98s -> 757.60s] oltre per le questioni geopolitiche, avete visto, anche perché
[757.60s -> 760.58s] la Libia è l'unico paese ancora rimasto
[760.58s -> 763.96s] diciamo, vergine dall'occupazione europea
[763.96s -> 766.88s] e poi l'epoca fascista e la costruzione
[766.88s -> 769.98s] dell'impero, che era il grande sogno, se volete
[769.98s -> 772.60s] utopistico, come il corso
[772.60s -> 774.66s] naturalmente ci ricorda
[774.66s -> 776.52s] e poi un periodo
[776.60s -> 778.84s] nel dopoguerra, come sapete, il nostro colonialismo
[778.84s -> 780.98s] si conclude nel gennaio del 43
[780.98s -> 783.52s] quando a Tripoli arrivano le truppe britanniche
[783.52s -> 785.72s] dentro la seconda guerra mondiale
[785.72s -> 788.46s] e l'Italia senza colonie
[788.46s -> 791.46s] e qui vedremo come anche il mancato dibattito
[791.46s -> 793.30s] noi le colonie, come sapete, le perdiamo
[793.30s -> 795.88s] 10 febbraio del 1947
[795.88s -> 797.62s] col trattato di pace
[797.62s -> 800.42s] in cui l'Italia, essendo stato un paese sconfitto
[800.42s -> 802.08s] che ha causato la guerra, eccetera
[802.08s -> 804.30s] nonostante i tentativi di De Gasperi
[804.30s -> 806.08s] di salvare almeno la Tripolitania
[806.08s -> 808.48s] dove erano presenti migliaia di italiani
[808.48s -> 809.34s] alla fine cede
[809.34s -> 813.12s] e fondamentalmente l'Italia rimarrà senza
[813.12s -> 814.84s] possedimenti coloniali
[814.84s -> 817.96s] tranne l'amministrazione fiduciaria per la Somalia
[817.96s -> 819.86s] che negli anni 50 gli sarà data
[819.86s -> 822.18s] per alcuni decenni
[822.18s -> 824.84s] controlleremo quel territorio
[824.84s -> 826.92s] oggi uno dei paesi più inospitali
[826.92s -> 830.08s] sapete tutto quando si parla anche nelle cronache
[830.08s -> 831.84s] di cosa vuol dire oggi
[831.84s -> 835.10s] vivere a Mogadiscio e nel resto di quel territorio
[835.10s -> 835.80s] anche lì abbiamo
[836.08s -> 839.62s] come dire delle responsabilità anche nel dopoguerra
[839.62s -> 840.62s] oltre che prima
[840.62s -> 844.40s] e quindi possiamo anche pensare a guardare
[844.40s -> 847.58s] ecco questa tavola sinottica
[847.58s -> 848.92s] delle colonie italiane
[848.92s -> 851.82s] per dar conto di come queste fasi
[851.82s -> 854.00s] si possono ridistribuire
[854.00s -> 856.40s] in un periodo che vede
[856.40s -> 858.88s] ecco le quattro principali colonie africane
[858.88s -> 863.12s] dentro questi passaggi storici
[863.12s -> 865.38s] dall'acquisto della Baia di Assab
[865.38s -> 865.52s] che è tutta una cosa
[865.52s -> 866.06s] che è tutta una cosa
[866.08s -> 868.40s] il corno d'Africa è un punto nevralgico
[868.40s -> 871.38s] perché l'imbocco verso il canale di Suez
[871.38s -> 874.76s] immaginiamoci cosa volesse dire
[874.76s -> 876.14s] già nella fine dell'Ottocento
[876.14s -> 879.00s] controllare la zona del corno d'Africa
[879.00s -> 880.76s] e come ancora oggi
[880.76s -> 881.88s] è un luogo strategico
[881.88s -> 884.02s] e cosa vuol dire anche il canale di Suez
[884.02s -> 886.26s] non so se vi ricordate la nave incagliata
[886.26s -> 888.36s] che non arrivavano i microchip
[888.36s -> 889.56s] la crisi
[889.56s -> 891.98s] sembra un mondo globalizzato
[891.98s -> 893.32s] veloce, gli aerei eccetera
[893.32s -> 895.96s] poi basta toccare un punto nevralgico
[895.96s -> 896.06s] che è il corno d'Africa
[896.08s -> 898.08s] il corno del nostro consumismo quotidiano
[898.08s -> 899.02s] è tutto salta
[899.02s -> 901.18s] e quindi immaginatevi anche all'epoca
[901.18s -> 903.48s] controllare quel tipo di rotta
[903.48s -> 906.30s] e poi naturalmente forse più disgraziata
[906.30s -> 908.34s] la Somalia che riusciamo ad ottenere
[908.34s -> 910.08s] all'inizio del Novecento in maniera compiuta
[910.60s -> 912.66s] fino al Quarantuno
[912.66s -> 913.88s] quando la perdiamo
[913.88s -> 915.46s] durante la Seconda Guerra Mondiale
[915.46s -> 917.70s] liberata dalle truppe alleate
[917.70s -> 920.18s] e della Libia poi parleremo in maniera più approfondita
[920.18s -> 921.74s] è l'ultimo periodo a Codetiopia
[921.74s -> 923.92s] dove nonostante il breve periodo
[923.92s -> 925.36s] è la nascita dell'impero
[926.08s -> 928.68s] forse dove
[928.68s -> 931.30s] dal punto di vista anche dell'utilizzo
[931.30s -> 933.66s] di mezzi banditi
[933.66s -> 935.22s] dalla comunità internazionale
[935.22s -> 936.46s] non solo il gas
[936.46s -> 938.72s] ma anche rappresaglie feroci
[938.72s -> 941.10s] contro i cristiani copti
[941.10s -> 943.22s] contro la popolazione indigena
[943.22s -> 944.88s] il campo di concentramento
[944.88s -> 947.46s] di Danane che continuerà ad essere utilizzato
[947.46s -> 948.60s] per i ribelli etiopi
[948.60s -> 950.74s] e ricordiamo l'Etiopia poi non la conquistiamo
[950.74s -> 953.08s] mai tutta perché la resistenza
[953.66s -> 955.34s] alla nostra occupazione
[955.34s -> 956.08s] è nell'entroterrazione
[956.08s -> 957.14s] e la guerra continuerà
[957.14s -> 960.06s] anche in quegli anni in cui
[960.06s -> 962.30s] tra virgolette quel territorio
[962.30s -> 964.18s] sembra ormai sotto
[964.18s -> 965.56s] il nostro controllo
[965.56s -> 968.02s] e da qui
[968.02s -> 970.08s] possiamo iniziare ad approfondire
[970.74s -> 972.14s] questi periodi
[972.14s -> 974.22s] che ci danno conto
[974.22s -> 976.28s] di quella che poi è stata
[976.28s -> 978.16s] ecco cercherò di farvi vedere
[978.16s -> 979.70s] oppure di soffermarmi
[979.70s -> 982.08s] più su alcuni elementi
[982.86s -> 983.84s] che ci fanno capire
[983.84s -> 985.84s] come l'oltremare italiano
[986.08s -> 987.58s] non solo è stato immaginato
[987.58s -> 989.12s] ma è stato anche conquistato
[989.12s -> 990.92s] le motivazioni che c'erano dietro
[990.92s -> 992.96s] e se prendiamo appunto il periodo
[992.96s -> 994.72s] da De Pretis a Crispi
[994.72s -> 997.14s] ecco, importante passaggio
[997.14s -> 1000.18s] anche per l'idea coloniale
[1000.18s -> 1001.68s] che si sviluppa nel paese
[1001.68s -> 1004.48s] e la costituzione della società geografica italiana
[1004.48s -> 1006.10s] chi sono coloro che possono
[1006.10s -> 1007.56s] riportare informazioni
[1007.56s -> 1010.58s] da questi territori in gran parte inesplorati
[1010.58s -> 1012.10s] appunto
[1012.10s -> 1014.64s] sono esploratori e sono missionari
[1016.08s -> 1017.46s] molte delle notizie
[1017.46s -> 1020.52s] delle prime notizie che arrivano sul territorio nazionale
[1020.52s -> 1022.02s] arrivano appunto
[1022.02s -> 1023.54s] da queste due fonti
[1023.54s -> 1026.60s] e quando si costituirà la società geografica italiana
[1026.60s -> 1028.00s] si svilupperà anche
[1028.00s -> 1029.40s] una cartografia
[1029.40s -> 1030.80s] di quei territori
[1030.80s -> 1033.58s] e la cartografia italiana sarà una delle migliori al mondo
[1033.58s -> 1035.56s] se andate a vedere delle cartine
[1035.56s -> 1037.60s] fatte dalle varie
[1037.60s -> 1039.68s] società geografiche
[1039.68s -> 1042.08s] e anche dalle istituzioni
[1042.08s -> 1042.88s] che nascono
[1042.88s -> 1044.90s] da quelle militari
[1044.90s -> 1046.04s] ma anche quelle civili
[1046.08s -> 1048.44s] veramente notevole
[1048.44s -> 1050.80s] alla loro capacità anche di immaginare la geografia
[1050.80s -> 1052.52s] noi la volevamo in parte
[1052.52s -> 1053.62s] stata ridimensionata
[1053.62s -> 1054.96s] perfino cancellare
[1054.96s -> 1057.10s] dai percorsi scolastici
[1057.10s -> 1058.56s] quindi follia totale
[1058.56s -> 1061.34s] però per dire come tutto questo
[1061.34s -> 1064.54s] alimenta un'idea sempre più avanzata
[1064.54s -> 1066.64s] di una nazione che è nata da poco
[1066.64s -> 1068.62s] ma che si deve
[1068.62s -> 1070.18s] come dire far valere
[1070.18s -> 1071.68s] sulla scenario internazionale
[1071.68s -> 1073.08s] apertura del canale di Suez
[1073.08s -> 1075.68s] dove gli italiani hanno un ruolo importante
[1076.08s -> 1078.02s] e dicevamo
[1078.02s -> 1080.32s] il suo ruolo strategico
[1080.32s -> 1087.32s] e poi vabbè qui alcuni elementi che tralasciamo del 1881 con una serie di
[1087.32s -> 1088.52s] elementi
[1088.52s -> 1093.26s] con la crisi diplomatica in cui ci avvicinano ecco su
[1093.26s -> 1095.46s] la geopolitica dell'epoca
[1095.46s -> 1100.00s] questa mancanza ecco di ruolo in particolare da parte dell'Italia di
[1100.00s -> 1103.64s] essere dentro la gestione del canale fa sì che
[1103.64s -> 1106.08s] ci avviciniamo sempre di più agli imperi centrali
[1106.08s -> 1108.92s] no e e ha ruolo nonostante
[1108.92s -> 1114.22s] il redentismo ancora di quei territori in particolare Trento e Trieste no la zona
[1114.22s -> 1115.32s] ancora non
[1115.32s -> 1120.12s] non il redenta ci teniamo lontano dal nemico che era continua a essere la vostra
[1120.12s -> 1121.10s] guerriera
[1121.10s -> 1124.28s] la baia d'Assab di cui abbiamo già parlato di questa
[1124.28s -> 1126.02s] armatore privato
[1126.02s -> 1132.12s] e poi 1885 con l'occupazione di fatto de Massawa e l'inizio della prima
[1132.12s -> 1135.98s] della nostra primogenita colonia e da lì parte ufficialmente la colonia di Massawa
[1135.98s -> 1159.66s] anche nei manuali di solito, il 1885 è bene o male la data in cui parte l'epopea vera coloniale, in cui l'amministrazione italiana, anche se militare, prende piede in quei territori e chi vive in quei territori, oltre a spedizionieri, come abbiamo detto, esploratori, sono soprattutto militari, spedizioni militari,
[1159.66s -> 1177.66s] e per un certo periodo saranno loro ad immaginare, a farci immaginare che cosa sono queste colonie, in particolare anche il termine che verrà mutuato più avanti, anche in maniera dispregiativa, l'abbissini, arrivare laggiù, lontano, anche per molti un luogo quasi immaginifico.
[1178.02s -> 1189.66s] E vedete dalla sconfitta di Dogali a tutto quello che accade, già con le difficoltà che abbiamo nel penetrare nel territorio che ci sembra molto più ricco.
[1189.66s -> 1219.64s] Che è l'Etiopia, fino ad arrivare con Asmara, che verrà fondata come capitale dell'Eritea, e dopodiché nel 1896, primo marzo, la sconfitta di Ladua, che chiude questo periodo di espansione, tentativo di espansione, con anche una ritorica molto presente nei primi circoli nazionalisti che nascono dietro l'idea di controllare questi territori.
[1219.66s -> 1239.36s] E il colonialismo crispino sarà accentuato appunto da questi circoli coloniali con un aumento delle spese militari, nonostante, ripeto, ancora l'Italia, l'irredentismo e via dicendo, ma guardavano verso quel territorio.
[1239.36s -> 1249.64s] E l'altra condizione che inizia a prendere piede per quale noi abbiamo bisogno di terre è che l'Italia rimane un paese, soprattutto il Mediterraneo.
[1249.66s -> 1260.36s] E' un paese che è un paese di religione, ma non solo, pensiamo anche al nord-est, e poi lo vedremo, con un esubero di braccia che non trovano lavoro sul territorio nazionale ed emigrano.
[1261.70s -> 1268.44s] Le colonie possono essere una risposta alle richieste alla fame di terra e di lavoro, oltre all'immigrazione.
[1268.44s -> 1279.10s] E questa inizia questa visione, diciamo, di arrivare a avere dei territori, non tanto per sfruttarli, in parte anche questo, a livello nazionale, ma soprattutto dove mandare colonie.
[1279.18s -> 1279.64s] E questo sarà un'altra condizione.
[1279.66s -> 1298.72s] E' una caratteristica, diciamo, preminente della nostra storia coloniale, come l'oltremare visto come un luogo dove desiderare la terra ad altri e mandare i nostri braccianti, i contadini, i mezzadri, soprattutto, con l'aspetto agricolo.
[1298.72s -> 1309.58s] Non a caso, se andate a Firenze, c'è l'Istituto Agronomico dell'Oltremare, c'è ancora, che è un archivio importante.
[1309.66s -> 1316.56s] Dicono anche studi avanzatissimi per l'epoca, cosa che poi, ripeto, vedremo quando affronteremo la Libia.
[1316.56s -> 1337.14s] E gli unici che si oppongono, naturalmente, a questa propaganda, a questa spinta nazionalista e di stampo, appunto, coloniale, sicuramente sono i socialisti e alcuni cattolici, alcune frange cattoliche, ma la loro voce è abbastanza flebbile nel periodo cristino.
[1337.14s -> 1339.64s] Ci vorrà la sconfitta di Adua.
[1339.66s -> 1344.78s] Per ridimensionare le ambizioni di fine Ottocento di una più grande Italia.
[1344.78s -> 1366.20s] E poi il caso della Somalia. La Somalia che, naturalmente, è utilizzata in particolare dalla Francia e dell'Inghilterra, il corno proprio d'Africa, lì sull'ultimo pezzo, diciamo, di quei passaggi importanti di navi verso il canale di Suez e il Mar Rozzo.
[1366.20s -> 1379.20s] E noi, le prime ispirazioni e i primi rapporti su come quel territorio può essere conquistato, arrivano già, diciamo, nel 1875.
[1379.20s -> 1387.44s] E iniziamo, ecco, anche qua, la prima penetrazione, come avverrà, ad esempio, anche per la Libia, è più economica che militare.
[1388.04s -> 1396.20s] I primi, diciamo, industriali, compagnie private che, diciamo, iniziano a far commercio su quel territorio.
[1396.20s -> 1410.86s] E poi, questo interesse geopolitico che viene sempre più ribadito, non tanto quanto un territorio ricco, strategicamente sì, ma non ricco, ma l'interesse rimane sempre a quell'Etiopia.
[1410.86s -> 1425.80s] Poi, se avete in mente la cartina del corno d'Africa, poi la vedremo, l'Eritrea, la Somalia, per accerchiare l'Etiopia, che era il vero obiettivo, anche per l'idea di alcuni nazionalisti, di vendicare l'onda di Adua.
[1426.20s -> 1446.96s] E poi, questa costruzione nel 1905, la creazione di questo commissariato italiano della Somalia settentrionale, che porta avanti un esperimento, anche legislativo, di sistemare una colonia che, di per sé, sfugge anche al controllo.
[1446.96s -> 1455.96s] Perché ha delle grosse divisioni etniche, spesso, quando pensiamo a un controllo completo, avendo la cartina, tutta la Somalia, ci dimentichiamo che...
[1456.20s -> 1463.44s] ...che con alcune tribù, alcune realtà che vivono, ecco, ci dimentichiamo sempre degli indigeni che vivono lì, in questo caso dei Somali, no?
[1463.60s -> 1469.56s] Nei nostri racconti, se vedete anche i manuali, non esistono. Le popolazioni locali quasi non esistono.
[1470.14s -> 1483.58s] E il tentativo, anche, di sistemare, da un punto di vista legislativo, con accordi con alcuni rass del territorio, in modo che si potesse, diciamo, continuare indisturbati a fare tutta una serie di attività economiche.
[1483.58s -> 1485.58s] E dall'altra, ecco, nel 1908...
[1486.20s -> 1498.88s] ...c'è questo, chiamiamolo anche, assetto statale istituzionale, per il quale una parte importante della Somalia, no? A livello geopolitico, deve rientrare dentro il nostro controllo.
[1498.88s -> 1512.16s] E quindi, come dicevamo, questa colonia, come anche l'Eritrea, è caratterizzata, almeno fino all'inizio del Novecento, ma lo sarà anche dopo, ma in maniera un po' diversa,
[1512.16s -> 1516.16s] ...ha una forte presenza militare e dà un interesse economico.
[1516.20s -> 1520.28s] ...molto forte, come abbiamo detto, soprattutto di scambi.
[1521.04s -> 1538.20s] Passaggio ulteriore, ecco, quando, piccola parentesi, nonostante la nascita di alcuni circoli nazionalisti e anche una serie di, bene o male, spinte di alcuni giornali, finanziati da alcuni gruppi importanti,
[1538.20s -> 1545.20s] ...fino al 1905 non si pensa anche a un tentativo di conquista della...
[1546.20s -> 1549.28s] ...della Libia.
[1549.78s -> 1556.62s] E le condizioni politiche iniziano a far sì che questo avvenga.
[1556.76s -> 1572.16s] Nel 1905, per esempio, apre il Banco di Roma a Tripoli e sarà un grosso grosoliano di stampo cattolico a iniziare la penetrazione economica nel territorio libico.
[1573.12s -> 1576.16s] Nel 1906 ci sono i primi accordi con la Francia che...
[1576.20s -> 1580.98s] ...ha già preso la Tunisia, quindi quasi un debito nei nostri confronti di lasciarci la Libia.
[1581.64s -> 1591.54s] Loro non ci pensano nemmeno, appunto, perché sanno che è un territorio scarsamente abitato, economicamente non così ricco, il petrolio ancora non è stato scoperto,
[1591.54s -> 1598.42s] ...e soprattutto ci sono queste bande che controllano, queste tribù che controllano il territorio all'interno abbastanza bellicose,
[1598.54s -> 1604.26s] ...e quindi si tengono lontano dal attaccare il territorio che è sotto ancora il dominio ottomano,
[1604.74s -> 1606.16s] ...che inizia a scricchiolare, ma non...
[1606.16s -> 1609.16s] ...non è così in crisi come vedremo nel periodo successivo.
[1609.98s -> 1620.52s] E quindi, diciamo, tutta una serie anche di relazioni diplomatiche, in particolare con i paesi che detengono il controllo del Mediterraneo, francesi e inglesi,
[1620.68s -> 1630.48s] ...in particolare quando vedono che l'impero ottomano, ecco, il grande malato, no, questo impero che inizia a scricchiolare sia per ciò che accade nei paesi dei Balcani,
[1630.48s -> 1635.48s] ...sia per, no, la rivoluzione dei giovani turchi, di Ataturk, che mette in crisi...
[1636.16s -> 1638.22s] ...anche l'impero ottomano.
[1638.34s -> 1651.26s] E poi il nazionalismo diffuso, sempre di più in questo periodo, ecco, l'idea che si debba creare questo posto al sole, che l'Italia ha diritto ad essere un grande impero,
[1651.26s -> 1665.44s] ...che iniziano a circolare anche queste voci, a cui alcuni intellettuali, tra cui D'Annunzio, daranno guerra fondaio già in pectore all'epoca, daranno impulso, non solo lui, pensiamo a Pascoli, ma anche altri,
[1666.16s -> 1683.46s] ...con i piccoli nazionalisti, anche, no, i futuristi e via dicendo, e con l'Associazione Nazionalista Italiana, che spinge molto, finanziata anche questa da grosse imprese industriali, che sanno bene che una guerra frutta loro anche da un punto di vista economico,
[1683.46s -> 1695.46s] ...e, appunto, il mito della nazione pluretaria, ecco, torniamo al discorso iniziale, siamo un paese di braccianti per lo più, l'agricoltura è l'attività più...
[1696.16s -> 1720.14s] ...intenzia, diciamo, più importante del paese, e queste braccia hanno bisogno di trovare una collocazione, e poi il complesso di Atua, ecco, queste sono tra le motivazioni geopolitiche, ideali, utopistiche, anche di trovare delle terre, desiderare terre da altre, dove fare arrivare i nostri coloni, e poi, vi dicevo, la vendetta di Atua.
[1720.14s -> 1726.14s] ...e l'altro momento, e qui Giolitti entra pienamente, è la crisi politica interna, alla quale Giolitti...
[1726.16s -> 1752.44s] ...Giolitti risponde, rilanciando, no, per tutta una serie di, sapete, corruzioni e via dicendo, che attanagliano il governo dell'epoca, l'ennesima corruzione politica del paese, e quindi inizia, no, a dare vita a quella che poi sarà una forte campagna di propaganda per far sì che il popolo sia dalla sua parte.
[1752.44s -> 1755.44s] ...e, come sappiamo, a parte alcuni socialisti...
[1756.16s -> 1765.42s] ...e qualche frangiani anarchici e di cattolici, la guerra di Libia avrà un ampio consenso nella società italiana, eh, avrà un ampio consenso.
[1765.84s -> 1781.12s] Se uno pensa che all'epoca lo stesso Mussolini fu arrestato mentre tentava di fermare una tradotta di militari, no, all'epoca era ancora socialista, però ecco, a parte questi episodi, a parte alcune proteste anche in Parlamento, eccetera,
[1781.12s -> 1786.12s] ...di fatto, quando arriverà l'ultimatum all'impero ottomano di lasciare Libia...
[1786.16s -> 1792.20s] ...e libera la colonia a favore degli italiani, eh, ormai il dato è tratto.
[1792.32s -> 1804.26s] Ed è interessante perché sarà lo stesso Lenin, dopo l'occupazione della Libia, eh, diciamo, la pace che si conclude, anche qua, la propaganda cosa dice?
[1804.84s -> 1816.08s] Guardate, la Libia è un paese fertilissimo, si possono fare tre raccolti, eh, è pieno di ulivi, eh, e, e, e Naudi li mette, eh, diciamo, al corrente,
[1816.16s -> 1826.90s] ...che quelli che loro chiamano ulivi sono palme, no, eh, e cerca anche lui, insieme a Salvemini e pochi altri intellettuali contrari all'impresa di Libia,
[1826.90s -> 1841.90s] ...eh, cerca di metterli in, diciamo, in guardia di questa idea anche di un territorio così ricco e vasto, e lo stesso Salvemini dirà, non ci bastava un meridione già difficile da gestire e da sviluppare,
[1842.86s -> 1846.00s] ...ne abbiamo preso un altro, più povero, più desertico e ancora più...
[1846.16s -> 1858.78s] ...più ostico, no, e aveva perfettamente ragione, perché anche la propaganda dice, guardate, i libici ci stanno aspettando a braccia aperte, perché vogliono essere dominati da un, eh, popolo di bianchi europei,
[1858.78s -> 1876.14s] ...invece degli ottomani, che sono arabi, sono medio orientali, e sì, la stessa religione, ma non sono un popolo sviluppato, e poi, come sappiamo, la conquista non sarà così facile, dal 1911, la Libia sarà pacificata con tutti i crimini che potrete vedere nella mostra, solo nel 31.
[1876.16s -> 1906.14s] ...ci vorranno più di vent'anni per avere la meglio della resistenza e della ribellione libica, eh, perché le due cose spesso sono sovrapponibili, ma non sempre, perché poi i libici, anche tra di loro, tutt'oggi lo capiamo benissimo, no, a parte la Libia, come la pensiamo noi, è Tripolitania, Cirenaica e Fezzan, e qualcuno mette anche la Sirtica, ancora oggi è, diciamo, composto da almeno una trentasei tribù che...
[1906.16s -> 1928.92s] ...controllano vari territori, ce ne siamo resi conto ultimamente, negli ultimi anni, eh, anche se poi la sua storia non la conosciavo nel profondo, e queste tribù spesso si coalizzano con gli italiani contro gli altri, perché, appunto, per la gestione del territorio, per opportunismo, e in alcuni casi c'è una ribellione e in altri casi c'è una resistenza più strutturata.
[1928.92s -> 1935.92s] Sicuramente, dopo quell'Algerina, la resistenza libica è stata la più longeva, no, contro l'impero...
[1936.16s -> 1958.42s] ...paese imperialista europeo, eh, quindi anche molto tenace, perché ci sono voluti campi di concentramento, ci sono voluti deportazioni, l'uso anche lì dei gas e via dicendo, quindi dobbiamo pensare anche a come la propaganda fosse mal utilizzata anche con quest'idea di non conoscere bene quel territorio.
[1958.42s -> 1965.20s] E non a caso, riporto qui un po' dall'imperialismo di Lenin, l'idea, no?
[1966.16s -> 1981.24s] ...che il nostro sia stato, era, no, un imperialismo straccione, proprio perché non aveva cognizione di causa, non aveva un ben indirizzo di come sfruttare quei territori, e forse le sue parole sono state abbastanza profetiche.
[1981.24s -> 1996.14s] E così possiamo definire in questi sei punti, no, che poi quando arriverà il fascismo cercherà di sviluppare ancora di più l'idea.
[1996.16s -> 2003.14s] ...di quella che doveva essere il nostro colonialismo nell'immaginario, nell'idea utopica che doveva passare nell'oltremare degli italiani.
[2003.76s -> 2015.88s] Sicuramente, ecco, la strategia che pensare alle colonie è un modo anche per attirare un certo tipo di consenso, eh, come era successo già nell'impresa di Libia.
[2015.88s -> 2025.64s] Il fascismo continuerà su questo solco, nella propaganda, si è andata a leggere anche in maniera retorica, enfatica, i proclami dell'epoca.
[2026.16s -> 2035.62s] Vedrete molti passaggi che continuano ad enfatizzare quest'idea dell'immaginario e di come quei territori renderanno sempre più forte l'Italia,
[2036.14s -> 2042.92s] saremo naturalmente ancora più accettati nel mondo, diciamo, imperiale, e via dicendo.
[2042.92s -> 2056.12s] E poi, ecco, nazionalismo e imperialismo, no, si fondono poi nell'idea stessa del fascismo, l'idea, no, di una nazione che poi domina altre nazioni e sottomette popoli,
[2056.16s -> 2056.84s] inferiori.
[2057.20s -> 2066.38s] Insieme a questo, nella retorica, diciamo, lo do per scontato che sia conosciuto anche l'idea della missione civilizzatrice, come ci diceva il documentario.
[2066.38s -> 2076.60s] Andiamo lì, fondamentalmente, a civilizzare delle popolazioni che non hanno cultura, che sono inferiori, che hanno bisogno di noi, no, il mito del buon selvaggio.
[2077.26s -> 2086.06s] E questo sarà anche un tema che attraverserà tutti coloro che sono molti dei nostri soldati.
[2086.16s -> 2092.52s] E anche di coloro, dei coloni che sono andati in Africa, quando torneranno, saranno costretti a tornare.
[2092.64s -> 2102.08s] Quest'idea che noi siamo stati lì a civilizzare, a redimere quelle terre che dormivano da secoli, come dirà la propaganda fascista,
[2102.08s -> 2113.82s] è rimasta, come dire, come imprinting nella memoria e nella cultura dei nostri ex coloni, ma anche di militari che sono andati in quei territori.
[2114.36s -> 2116.08s] E quindi il rafforzamento della cultura.
[2116.16s -> 2129.00s] La componente bianca, ecco, l'altra missione che ha l'idea demografica è anche questa, cercare di rovesciare la presenza tra bianchi, neri o arabi, dipende dai territori,
[2129.00s -> 2136.70s] e quindi mettere sempre di più, diciamo, personale bianco o civile in quei territori.
[2136.80s -> 2146.00s] E il fascismo immanderà non solo militari, ma cercherà di favorire, e qui sarà importante poi quando arriverà Bari,
[2146.16s -> 2154.18s] Balbo, per esempio, per quanto riguarda i coloni in Libia, ma in Eritrea, nella stessa Somalia, e anche se per breve periodo in Echiopia,
[2154.18s -> 2165.50s] ci sarà un investimento anche su questo, sugli enti di colonizzazione dei territori, dei grandi appezzamenti di terra gestiti da proprietari italiani,
[2166.28s -> 2175.20s] penso al villaggio Dugo degli Abruzzi, per esempio, nel territorio del Corno d'Africa, che devono, diciamo, favorire un certo tipo di economia
[2175.20s -> 2176.98s] e divisione anche dell'altro.
[2176.98s -> 2188.64s] E poi la codificazione della legislazione razziale che l'Italia emana nel 1937.
[2189.20s -> 2199.08s] Noi ci ricordiamo delle leggi razziste del 1938, ma le leggi razziste del 1938 sono precedute dalle leggi di apartheid e di separazione
[2199.08s -> 2205.08s] tra i neri e i bianchi, della lotta contro il meticciato e dell'esaltazione appunto della razza bianca,
[2205.20s -> 2222.90s] contro la razza nera, che porterà avanti questa abberrande legislazione, e poi le vedremo anche nel suo periodo più drammatico appunto con la questione delle cosiddette madame.
[2223.46s -> 2229.98s] La fascizzazione delle colonie, cioè quello che accade sul territorio nazionale, dal punto di vista anche amministrativo delle leggi,
[2229.98s -> 2234.98s] deve essere riportato in colonia anche come gestione sociale, come amministrazione.
[2235.20s -> 2242.68s] Come percorso culturale e, diciamo, sociale della popolazione indigena, seppur inferiore, no?
[2243.32s -> 2250.68s] Nascono anche là scuole per gli indigeni, scuole per gli italiani, e dove il percorso più o meno è simile a quello nazionale,
[2250.76s -> 2254.84s] ma, come vi dicevo, gli indigeni possono arrivare solo a un certo livello di istruzione.
[2255.54s -> 2258.40s] E poi da non dimenticare il ruolo della Chiesa.
[2258.40s -> 2263.24s] In questa, diciamo, utopistica anche idea coloniale degli italiani,
[2263.24s -> 2268.52s] la missione anche della Chiesa è quella di arrivare lì e convertire.
[2269.24s -> 2274.18s] In particolare la Chiesa cattolica connota l'Africa nei confronti dei cristiani copti.
[2275.20s -> 2279.52s] Devono essere, sono per loro, come dire, una setta da debellare.
[2279.92s -> 2284.56s] Non lo diranno mai in questi termini, ma più o meno si capisce che devono essere convertiti.
[2285.12s -> 2288.40s] E i missionari già da prima appunto hanno avuto un ruolo.
[2288.40s -> 2289.68s] E anche l'investimento.
[2290.12s -> 2293.20s] Vi citavo il cosiddetto, diciamo,
[2293.24s -> 2300.02s] blocco grosoliano di finanzieri che fanno capo poi al Banco di Roma e alla città del Vaticano
[2300.02s -> 2305.36s] che investe molto sulla penetrazione in particolare in Libia.
[2305.80s -> 2310.28s] E quindi la retorica della missione civilizzatrice già presente
[2310.28s -> 2315.88s] viene nuovamente ribadita poi nel 1929 con i patti lateranensi
[2315.88s -> 2322.06s] e anche qua un appoggio importante che darà la Chiesa, basti ricordare poi la guerra di Etiopia.
[2323.24s -> 2330.08s] Quando verranno santificati anche gli anelli nuziali da dare a favore di quell'impresa.
[2330.66s -> 2333.52s] E l'obiettivo della proclamazione dell'impero.
[2333.72s -> 2338.30s] Ecco, anche questa è una retorica che verrà presa su tutto il periodo coloniale.
[2339.02s -> 2345.36s] Noi dobbiamo far riemergere gli antichi fasti della Roma imperiale.
[2345.36s -> 2350.10s] Se andate fuori Italia, cioè adesso fuori imperiale a Roma,
[2350.72s -> 2352.36s] che poi Mussolini farà sventrare...
[2353.24s -> 2357.94s] e via dicendo, quella parte molto bella medievale per fare i fori imperiali,
[2358.52s -> 2361.78s] appena uscite dalla stazione Colosseo, con il Colosseo alle spalle,
[2361.88s -> 2369.76s] sulla sinistra c'è tutta la mappa del periodo, chiamiamolo, coloniale dell'impero romano
[2369.76s -> 2372.62s] e poi del periodo coloniale italiano.
[2372.76s -> 2376.20s] Per esaltare, quello che hanno fatto i romani lo stiamo rifacendo noi.
[2376.20s -> 2382.10s] Ed era un'idea che attraversa la storia anche del colonialismo italiano,
[2382.16s -> 2383.20s] in particolare in Libia.
[2383.24s -> 2385.74s] In Libia, dove, si diceva, qui sono stati già i romani,
[2385.74s -> 2389.74s] e uno dei simboli che troverete anche in mostra è questo marinario italiano
[2389.74s -> 2394.04s] che sbarca con la bandiera, con lo stemma sabbaudo, la bandiera italiana
[2394.04s -> 2399.72s] e raccoglie il gladio di un legionario romano, come un passaggio di testimone.
[2399.94s -> 2405.60s] E la retorica anche delle vestigie romane, che sono su quelle zone,
[2406.00s -> 2409.16s] come dire, erano già nostri possedimenti, li abbiamo ripresi.
[2409.24s -> 2412.74s] Questo soprattutto per la Libia, ma vale anche per l'idea,
[2413.24s -> 2416.56s] dell'impero, ecco, riprendere in mano l'impero romano.
[2416.66s -> 2419.56s] E la proclamazione che avviene poi con la conquista dell'Etiopia,
[2419.70s -> 2423.54s] ecco, questo è l'altro modo in quale utopisti con gli italiani
[2423.54s -> 2429.50s] sono, bene o male, si abbevano alla propaganda della retorica nazionalista e fascista,
[2429.52s -> 2430.24s] in questo caso.
[2430.76s -> 2433.90s] Nasce, appunto, il Ministero dell'Africa italiana,
[2434.16s -> 2439.02s] cioè il vecchio Ministero delle Colonie, una volta fatto l'impero,
[2440.24s -> 2443.02s] è interessante vedere Graziani, che diventerebbe,
[2443.24s -> 2447.40s] sarà vicere governatore generale dell'Africa italiana,
[2447.56s -> 2450.56s] che comprende anche la Somalia e l'Eritrea, cito Graziani,
[2450.56s -> 2457.02s] che possiamo definire il personaggio che, forse più di ogni altro,
[2458.32s -> 2462.98s] ci fa immaginare il criminale di guerra in tutti i periodi.
[2463.24s -> 2471.68s] Cioè, lui ha utilizzato un certo tipo, sapete, poi di politica criminale
[2471.68s -> 2472.56s] nei confronti delle popolazioni civili,
[2473.24s -> 2478.20s] in Libia, farà lo stesso in maniera ancora più dura in Etiopia,
[2478.78s -> 2482.16s] e poi lo ritroveremo anche nella Repubblica Sociale, no?
[2482.70s -> 2485.78s] E a pensare, ecco, quando parliamo del cortocircuito dell'oggi,
[2485.92s -> 2488.56s] sapete, la polemica, sarebbe impensabile che un tipo
[2488.56s -> 2492.90s] che potremmo definire al pari dei più grandi criminali nazisti
[2492.90s -> 2494.76s] gli si dedichi un mausoleo, no?
[2494.98s -> 2496.78s] In Germania sarebbe impensabile,
[2497.36s -> 2501.56s] in Italia, diciamo, questa cosa è ancora lì, il Parco Graziani, no?
[2501.56s -> 2502.56s] Lì, in Ciociaria, dove...
[2503.24s -> 2506.76s] Lui è nato, ecco, per dire come il nostro dibattito è così ancora lontano.
[2506.88s -> 2509.90s] E non immaginiamo mai le memorie degli altri, no?
[2510.94s -> 2513.80s] Cosa può pensare, avete visto quell'immagine,
[2513.90s -> 2516.70s] quelli erano discendenti di libici che avevano avuto i loro avi
[2516.70s -> 2518.60s] impiccati al campo di Elagheila, no?
[2519.16s -> 2522.20s] Immaginatevi, da Graziani, immaginatevi che noi gli facciamo un mausoleo, no?
[2522.46s -> 2526.02s] Immaginatevi anche noi che giustamente, quando facciamo il giorno della memoria,
[2526.02s -> 2531.02s] ci ricordiamo i nostri concittadini politici, ebrei, lavoratori
[2531.58s -> 2533.18s] che sono stati deportati in Germania,
[2533.24s -> 2536.74s] le strage e via dicendo, se qualcuno in Germania fa un mausoleo
[2536.74s -> 2538.98s] a uno dei più grandi criminali nazisti.
[2539.08s -> 2543.38s] Ecco, cioè, non ci medesimiamo mai con le memorie e le sensibilità degli altri.
[2543.96s -> 2548.02s] E l'altro passaggio fondamentale, ecco, nell'immaginario,
[2548.14s -> 2550.02s] se noi pensiamo alla retorica dell'impero,
[2550.12s -> 2552.38s] che tornerà da qui in poi ancora più forte,
[2552.38s -> 2559.38s] lo stesso, ecco, non ho citato anche il ruolo della monarchia,
[2560.44s -> 2562.38s] del re imperatore di Gerusalemme,
[2563.24s -> 2566.48s] la monarchia s'abauda anche in questi passaggi,
[2566.58s -> 2568.92s] non è estranea alle sue responsabilità,
[2569.08s -> 2571.74s] alle responsabilità di quello che succede,
[2571.90s -> 2575.40s] e che avalla, e anzi, in alcuni casi si presta,
[2575.46s -> 2578.62s] in altri casi spinge i circoli nazionalisti,
[2578.74s -> 2581.44s] i circoli militari, i grandi finanzieri,
[2581.44s -> 2586.50s] e appoggia quasi tutte, anzi, tutte le imprese nefaste di cui stiamo parlando.
[2586.66s -> 2590.10s] Ecco, nell'immaginario collettivo, la retorica dell'impresa, poi,
[2590.84s -> 2593.12s] si salda anche con, diciamo,
[2593.24s -> 2598.00s] l'immaginario popolare, che era già presente, in verità,
[2598.28s -> 2599.52s] in particolare cosa?
[2599.92s -> 2605.38s] L'idea dell'esotico erotico, che è nell'immaginario di tutti i militari.
[2605.50s -> 2607.60s] E se andrete a vedere, poi, sicuramente,
[2607.68s -> 2610.36s] la mostra che sta realizzando l'Istituto,
[2610.52s -> 2613.40s] troverete lì anche delle foto particolari,
[2613.84s -> 2615.84s] ne ho viste alcune, ma, per esempio,
[2615.84s -> 2619.68s] questi nostri militari, le foto di donne nude, no?
[2621.08s -> 2623.18s] O seminude.
[2623.24s -> 2627.28s] E quindi, le cartoline che rimandano.
[2627.38s -> 2628.88s] L'immaginario qual è?
[2628.98s -> 2633.28s] È, appunto, di donne, di una terra vergine da conquistare,
[2633.38s -> 2637.18s] in cui lo sguardo morboso sul corpo di queste donne,
[2637.28s -> 2640.78s] che non aspettano altro che il buon soldato che va lì a civilizzarle, no?
[2640.88s -> 2642.88s] E, durante il periodo fascista,
[2642.98s -> 2647.62s] ci sono, anche qui, delle cartoline di razzismo vero,
[2647.72s -> 2650.08s] ma proprio di bocca a sile, se non ricordo male,
[2650.18s -> 2653.08s] ma anche di altri che fanno vedere questi nostri soldati che vanno lì,
[2653.08s -> 2657.02s] a conquistare queste donne che ci aspettano a braccia aperte.
[2657.12s -> 2661.92s] E l'idea, ecco, ancor di più viene rilanciata nel periodo fascista,
[2662.02s -> 2664.02s] ecco, quest'idea, anche, di essere superiori
[2664.12s -> 2667.62s] e di utilizzare quei territori, non solo da un punto di vista
[2667.72s -> 2671.02s] dello sfruttamento delle terre, ma anche delle loro donne.
[2671.12s -> 2676.02s] E poi, ecco, il miraggio sessuale di cui abbiamo parlato,
[2676.12s -> 2681.02s] e poi, naturalmente, l'uso di nuovi mezzi per divulgare
[2681.12s -> 2682.92s] l'impegno,
[2683.08s -> 2688.38s] è vero che il fascismo utilizzerà, finanzierà tutto questo.
[2688.48s -> 2691.58s] Se vi capita di andare alla Biblioteca Nazionale di Roma,
[2691.68s -> 2697.18s] adesso è stata depositata la più importante biblioteca di storia coloniale
[2697.28s -> 2698.98s] che noi abbiamo, no?
[2699.08s -> 2701.38s] Che è la Biblioteca Centrale di Roma,
[2701.48s -> 2706.38s] che era la Biblioteca dell'Isiao, l'Istituto di Studi per l'Africa e l'Oriente,
[2706.48s -> 2711.02s] che ha avuto una parabola, stendiamo un velo pietoso, se volete, dopo ne parliamo,
[2711.12s -> 2713.02s] però ha, veramente,
[2713.14s -> 2717.08s] ha ereditato tutto ciò, quasi tutto quello che è stato prodotto
[2717.18s -> 2721.08s] da un punto di vista della propaganda, storiale, riviste, eccetera.
[2721.18s -> 2725.08s] Parliamo di decine e decine di riviste, decine e decine di rotocalchi,
[2725.18s -> 2730.08s] di studi, di libri retorici, se volete, inattendibili dal punto di vista scientifico,
[2730.18s -> 2735.08s] però ci fanno capire, ecco, qual era, no, il sentimento
[2735.18s -> 2737.58s] e il modo in quale questa propaganda prendeva piede.
[2737.68s -> 2742.48s] E come era finanziata, perché per fare riviste, fare studiare,
[2742.48s -> 2747.98s] fare dei libri e via dicendo, giornali che uscivano di stampo nazionalista, eccetera,
[2748.08s -> 2751.98s] c'erano, volevano, diciamo, anche dei finanziamenti importanti
[2752.08s -> 2755.98s] e molti intellettuali si prestano a questa retorica anche nel periodo fascista.
[2756.08s -> 2758.98s] E quindi circoli coloniali che nascono in tutto il paese
[2759.08s -> 2764.98s] e, immaginatevi, nel 26 viene perfino istituita una giornata coloniale,
[2765.08s -> 2768.98s] perché bisognava sempre di più rafforzare quest'idea che noi eravamo ormai,
[2769.08s -> 2772.44s] stiamo andando verso, diciamo, un italiano nuovo,
[2772.54s -> 2775.48s] come il fascismo lo voleva, imperialista.
[2775.58s -> 2784.48s] E la rivista, l'Azione Coloniale, che forse è tra quelle che nascono nel periodo più aggressiva,
[2784.58s -> 2787.98s] non a caso nasce nel 31, dopo la pacificazione della Libia,
[2788.08s -> 2792.98s] e inizia a spingere verso un nuovo orizzonte, appunto, l'Etiopia,
[2793.08s -> 2798.98s] prepara culturalmente, con l'Azione Coloniale, gli italiani ad accettare una nuova impresa,
[2799.08s -> 2801.98s] che poi ci sarà.
[2802.08s -> 2805.08s] Ci saranno manifestazioni pubbliche, oltre la giornata coloniale,
[2805.18s -> 2809.08s] e poi, ecco qui, con il Ministero della Stampa e della Propaganda,
[2809.18s -> 2816.08s] che è poi il famoso Mikul Pop nel 37, che veramente utilizza tutta questa retorica, la rimbalza.
[2816.18s -> 2825.08s] E poi, se andate in qualsiasi, almeno a me capita spesso, mercatino delle pulci, delle bancarelle, dei libri,
[2825.18s -> 2829.08s] quasi sempre c'è il quaderno coloniale, con delle immagini,
[2829.18s -> 2831.08s] e quindi già da piccoli si devono abituare a vedere alcune immagini,
[2831.18s -> 2831.94s] e quindi già da piccoli si devono abituare a vedere alcune immagini,
[2832.08s -> 2838.78s] in cui, ecco, dalla scuola ai manuali dell'epoca, sono molto interessanti,
[2838.88s -> 2841.58s] di come ci fanno vedere alle agende.
[2841.68s -> 2845.78s] L'altro giorno c'era qui Carlo Saletti, che aveva in mano un'agenda degli anni Sessanta,
[2845.88s -> 2848.78s] che riproduceva le ritoriche degli anni Trenta.
[2848.88s -> 2851.78s] C'era un filo conduttore, ci ha letto un paio di passaggi,
[2851.88s -> 2858.78s] per dire come quell'immaginario non è tramontato nemmeno dopo la Seconda Guerra Mondiale.
[2858.88s -> 2861.08s] E poi, vabbè, la letteratura, il cinema, i cinegiornali,
[2861.08s -> 2863.08s] e via dicendo.
[2863.18s -> 2867.08s] Vado in velocità perché il nostro tempo sta per scadere.
[2867.18s -> 2869.08s] E cosa accade?
[2869.18s -> 2877.08s] Che le colonie sono anche un modo, appunto, per sperimentare modelli economici,
[2877.18s -> 2881.08s] piantagioni intensive, soprattutto sul corno d'Africa, ma non solo.
[2881.18s -> 2887.08s] E anche quello che oggi sappiamo, perché se all'epoca iniziavano ad essere,
[2887.18s -> 2890.18s] no, avanzavano queste culture intensive,
[2890.18s -> 2895.18s] anche qua, visto che ci sono degli insegnanti, tante volte pensare ancora oggi, no?
[2895.28s -> 2899.18s] Fare un esempio di come oggi, in alcuni territori,
[2899.28s -> 2904.18s] c'è stata ultimamente tutta la polemica sull'olio di palma, no?
[2904.28s -> 2913.18s] Ma pensiamo anche ad altri territori dove sono state totalmente cancellate
[2913.28s -> 2920.08s] alcune coltivazioni locali per favorire quelle che noi consumiamo di più.
[2920.18s -> 2925.18s] E già all'epoca inizia questa idea di sperimentazione commerciale.
[2925.28s -> 2931.18s] Naturalmente c'è una sproporzione di investimento rispetto alla redditività,
[2931.28s -> 2934.18s] anche, come vi dicevo, l'Italia è forse uno degli imperi, anzi, sicuramente,
[2934.28s -> 2938.18s] degli imperi coloniali che più investe rispetto a quello che riesce ad ottenere.
[2938.28s -> 2941.18s] C'è un investimento importante economico.
[2941.28s -> 2944.18s] E poi il problema qual è?
[2944.28s -> 2949.18s] È che, nonostante tutto questo, l'investimento, eccetera, pochi coloni vanno.
[2949.18s -> 2956.18s] Spesso sono ex militari che rimangono lì rispetto a cosa il regime si attende.
[2956.28s -> 2962.18s] Perché non è facile partire per il cono d'Africa quando hai altre alternative
[2962.28s -> 2966.18s] di emigrare in Francia, in Europa, oppure negli Stati Uniti,
[2966.28s -> 2969.18s] almeno fino alla crisi di Wall Street.
[2969.28s -> 2973.18s] Poi quei territori saranno naturalmente preclusi.
[2973.28s -> 2978.18s] E quindi, come dire, non arrivano poi, nonostante tutta la retorica,
[2978.18s -> 2983.18s] non arrivano tutti questi coloni che ci si aspetta.
[2983.28s -> 2990.18s] E l'altro grande, anche, impatto che noi abbiamo avuto su quei territori sono le infrastrutture.
[2990.28s -> 2992.18s] La retorica cosa ci dice?
[2992.28s -> 2995.18s] È in parte vera, come un po' tutti gli stereotipi.
[2995.28s -> 3000.18s] Perché noi siamo stati in Africa e abbiamo costruito stradi pontecchiese.
[3000.28s -> 3006.18s] Lo raccontavo anche nell'inaugurazione della mostra, nel mio vecchio manuale di storia delle medie degli anni Ottanta.
[3006.18s -> 3010.18s] Questo cliché era, diciamo, riportato paro paro.
[3010.28s -> 3013.18s] Il nostro coloniale è stato diverso perché è più bonario,
[3013.28s -> 3017.18s] in quanto noi abbiamo portato la civiltà, in particolare strade, scuole e chiese.
[3017.28s -> 3024.18s] Ed è vero che l'architettura razionalista coloniale italiana è tuttora bellissima.
[3024.28s -> 3028.18s] Asmara è una città tutelata dall'UNESCO, proprio per le nostre costruzioni.
[3028.28s -> 3032.18s] Spesso sono architetti giovani che in Italia non trovano lavoro
[3032.28s -> 3036.08s] perché i grandi studi sono ammanicati con il regime.
[3036.08s -> 3039.08s] È stato poco, però i grandi archistari sono...
[3039.18s -> 3043.08s] E loro vanno in colonia e fanno delle cose straordinarie.
[3043.18s -> 3046.08s] Ed è vero anche che abbiamo costruito delle strade.
[3046.18s -> 3049.08s] Ma a cosa servono le strade? A controllare spesso il territorio.
[3049.18s -> 3055.08s] Dove, per esempio, in Libia, le nostre autoblindo si impantanavano nel deserto
[3055.18s -> 3059.08s] e in questo modo invece riuscivano a controllare anche le zone più impervie.
[3059.18s -> 3064.08s] E avevano questo duplice... però effettivamente abbiamo investito molto.
[3064.18s -> 3065.98s] E poi...
[3065.98s -> 3070.98s] L'impero del lavoro è di una colonizzazione demografica
[3071.08s -> 3076.98s] che viene smentita proprio dal fatto che tutta questa attesa di coloni non arriverà
[3077.08s -> 3081.98s] salvo quando poi Balbo prenderà in mano, per esempio, la Libia.
[3082.08s -> 3084.98s] Faccio l'esempio della Libia, visto che qui c'è anche la mostra
[3085.08s -> 3088.98s] e troverete anche dei dati su quanti sono partiti come coloni.
[3089.08s -> 3093.98s] Quando la Libia viene pacificata nel 31, con le cose che vedrete in mostra,
[3093.98s -> 3098.98s] Graziani si aspetta di diventare lui il governatore della Libia.
[3099.08s -> 3101.98s] Invece, come sapete, nel 34 Mussolini manda Balbo.
[3102.08s -> 3107.98s] Manda Balbo per vari motivi, adesso non sto qui a ricordare, magari gli faceva un quadriumbilo,
[3108.08s -> 3111.98s] uno squadrista, un uomo anche ardimentoso, trasvolatore, tutto quello.
[3112.08s -> 3116.98s] Sicuramente un uomo anche, diciamo, di una certa visibilità mediatica.
[3117.08s -> 3122.98s] E lui effettivamente tenta di valorizzare la colonia, dall'architettura al commercio
[3122.98s -> 3129.98s] al turismo, perché la Libia, mi posso assicurare, già mi manca quando si dice il mal d'Africa,
[3130.08s -> 3132.98s] ormai sono 3 o 4 anni che non riesco più a tornare in Libia,
[3133.08s -> 3139.98s] ma chi è riuscito ad attraversare il deserto del Sahara libico sa cosa vuol dire quella volta celeste,
[3140.08s -> 3145.98s] quei splendidi paesaggi, per non dire Cirene, Sabrata, Leptismania ed altri luoghi,
[3146.08s -> 3151.98s] Jarabub e via dicendo. Sono veramente luoghi magici da un punto di vista paesaggistico e naturalistico.
[3151.98s -> 3155.98s] Tant'è vero che quando Berlusconi aveva fatto gli accordi con Gheddafi,
[3156.08s -> 3162.98s] la Mazzotto voleva fare 25 villaggi turistici sulla costa libica, diciamo che questo fa parte.
[3163.08s -> 3167.98s] E Balbo cosa fa? Dice, vabbè, i coloni non arrivano, nonostante la colonia è pacificata,
[3168.08s -> 3174.98s] il territorio più fertile l'abbiamo, diciamo, reso demaniale, quindi è incamerato,
[3175.08s -> 3181.88s] quando si parla anche di violenza è anche la terra che è stata tolta ai libici,
[3181.88s -> 3189.88s] e allora lui pensa di organizzare questi 20.000 che devono arrivare ogni anno sul territorio libico.
[3189.98s -> 3202.88s] Ogni anno dal 38 per celebrare il giorno della marcia su Roma, il 28 ottobre, devono partire le navi
[3202.98s -> 3210.88s] con almeno 20.000 coloni a colonizzare il territorio libico. Non arriveranno 20.000, saranno un po' di meno,
[3210.88s -> 3217.88s] nonostante le promesse, perché sì, qualcuno va perché, cosa accade? Che io bracciante divento proprietario,
[3217.98s -> 3222.88s] io mezzato divento proprietario, dai 15 ai 50 ettari, dipende dal numero familiare.
[3222.98s -> 3231.88s] E qui vedete l'arrivo, questo è il castello di Tripoli, che arriva a sé stante questa folla di coloni italiani,
[3231.98s -> 3237.88s] anche rivestiti, i forti rurali italiani svegliano col vomano e temprato una terra che dormiva da secoli.
[3237.98s -> 3239.88s] Questo è lo slogan nella piazza centrale,
[3239.88s -> 3247.88s] che oggi si richiama dall'epoca Piazza Italia, Piazza Verde, quando c'era Gheddafi, oggi si chiama Piazza dei Martiri,
[3247.98s -> 3252.88s] della rivoluzione contraria a Gheddafi, anche qui la toponomastica ci aiuta.
[3252.98s -> 3264.88s] E questi rurali partono con l'idea appunto di andare a dissodare terreni, di essere sicuramente alla ventura,
[3264.98s -> 3268.88s] ecco, come ce li possiamo immaginare, sono nuclei familiari per lo più numerosi,
[3268.88s -> 3273.88s] come erano le famiglie dell'epoca, qui Balbo che dà le concessioni e loro partono,
[3273.98s -> 3281.88s] e costruiamo dei villaggi coloniali, un po' su modello anche delle nostre bonifiche,
[3281.98s -> 3286.88s] ma in maniera molto più ampia, in luoghi veramente difficili.
[3286.98s -> 3291.88s] E il villaggio come funziona? Perché sono, diciamo, chilometri e chilometri di nulla,
[3291.98s -> 3298.78s] c'è bisogno di un luogo dove, di un agora dove questi più disgraziati si incontrano,
[3298.78s -> 3303.68s] e quindi il villaggio coloniale, con anche delle operazioni architettoniche interessanti,
[3303.78s -> 3310.68s] la scuola, la chiesa, l'emporio, il bar, ecco, dove la sera magari si possono ritrovare,
[3310.78s -> 3313.68s] o nei giorni per celebrare messe e via dicendo.
[3313.78s -> 3318.68s] Costruiamo alcune decine di villaggi, anche per gli indigeni, perché ci servono,
[3318.78s -> 3328.68s] i nostri hanno nome come appunto d'annunzio, nomi risorgimentali, quelli invece per i libici fioriti,
[3328.88s -> 3334.68s] vita e via dicendo, e qui vedete i vari villaggi littoriano, con la concessione di Salvatore Calò,
[3334.78s -> 3337.68s] questa qui è la concessione numero 12 dell'otto di Salvatore Calò,
[3337.78s -> 3344.68s] e qui lo possiamo vedere, no? C'è il villaggio, questo costruito, e intorno, vedete, lontano, le case coloniche.
[3344.78s -> 3351.68s] E abitare lì non è facile, non è facile perché vedete com'era, lunga strada in mezzo, le case coloniche,
[3351.78s -> 3356.68s] queste sono le terre migliori, eh? Cioè gli italiani gli vengono assegnate le terre migliori.
[3356.68s -> 3362.58s] Nonostante questo fanno un lavoro egregio, i nostri, ecco questo è il villaggio d'annunzio, eh?
[3362.68s -> 3371.58s] Balbo che va a trovare questi coloni, a cui ha dato le case, e qui le vediamo, fanno un lavoro incredibile,
[3371.68s -> 3379.58s] perché effettivamente valorizzano quei territori, veramente dissuadono il terreno, producono veramente cose importanti,
[3379.68s -> 3386.58s] anche nuove, sperimentano anche nuovi tipi di produzione, effettivamente sviluppano,
[3386.58s -> 3393.48s] per esempio, gli uliveti, mandorleti e anche certi tipi di allevamento, anche perché i libici, come vi dicevo,
[3393.58s -> 3402.48s] per la maggior parte erano commercianti, caravanieri e allevatori, ma non agricoltori e pescatori, pochissimi lo erano.
[3402.58s -> 3407.48s] E questi villaggi, ecco queste delle foto che ci fanno ancora vedere ciò che è rimasto di questi luoghi,
[3407.58s -> 3415.48s] qui prima dell'ultima guerra civile, alcuni di questi villaggi costruiti dagli italiani.
[3416.58s -> 3423.48s] Quindi, come qui avevo fatto, ma non abbiamo più tanto tempo, immagino, vero? Ci abbiamo un po' di tempo?
[3423.58s -> 3428.48s] Vado avanti così, perché volevo far vedere, vabbè, perché non vedo l'ora qua.
[3428.58s -> 3437.48s] E volevo soffermarmi, appunto, che la legislazione di apartheid del 37 colpiscesi il corno d'Africa,
[3437.58s -> 3444.48s] in particolare il meticciato di cui parlavo prima, questi nostri soldati si accoppiano con le donne locali,
[3444.58s -> 3446.48s] in particolare nascono poi delle donne locali,
[3446.48s -> 3454.38s] e questo crea un problema rispetto a tutta la retorica della razza pura che sta arrivando
[3454.48s -> 3461.38s] e che è già piena la nostra stampa e non solo.
[3461.48s -> 3469.38s] E si decide di separare bianchi dai neri e quindi non più rapporti con la popolazione indigena.
[3469.48s -> 3475.38s] E alla fine cosa accade? Ecco, soprattutto nel corno d'Africa,
[3475.38s -> 3481.28s] sperimentiamo prima nel Sud Africa l'apartheid, la scuola per i bianchi e la scuola per i neri,
[3481.38s -> 3487.28s] la panchina per i bianchi e la panchina per i neri, l'autobus coperto per i nostri connazionali
[3487.38s -> 3493.28s] e l'autobus, diciamo, più un camion per i libici.
[3493.38s -> 3503.28s] Ed è veramente sconfortante vedere queste immagini che per esempio in Italia per la prima volta furono diffuse in maniera impeccabile
[3503.28s -> 3509.18s] il lavoro realizzato dal Centro Furioriesi, una mostra che si chiamava La menzogna della razza,
[3509.28s -> 3521.18s] che denunciò questo modo con il quale le leggi appunto razziste in colonia anticipano poi le leggi razziste del 38,
[3521.28s -> 3525.18s] con quello che sappiamo forse molto più presente.
[3525.28s -> 3533.18s] E Nicola Labanca, uno dei più importanti studiosi, insieme ad Angelo Le Boer, come sapete è recentemente scomparso,
[3533.28s -> 3541.18s] e cosa ci dice? Che appunto la propaganda ebbe un risultato atteso su quel medio e lungo periodo, diciamo,
[3541.28s -> 3549.18s] però, ecco, fu incerto e diluito, alla fine non resta la scomparsa delle colonie con il coro delle leggi,
[3549.28s -> 3558.18s] ma anche se lasciò pesanti eredità. Ecco, quindi, come dire, tutta quella retorica, quell'immaginario utopico, eccetera,
[3558.28s -> 3563.18s] poi crollò con quello che abbiamo visto e in particolare crollò anche di fronte
[3563.38s -> 3570.18s] al Madamato. Ci sono state una serie, anche qui, di polemiche su Indro Montanelli, no?
[3570.28s -> 3580.18s] E anche la sua, diciamo, visione che aveva ancora nel 1982, quando intervistato da Enzo Biaggi, continuava a dire
[3580.28s -> 3588.18s] a fin dei conti non ho fatto nulla di male, cioè era una docile fanciulla, lui dice che aveva 12 anni, forse ne aveva di più o di meno,
[3588.28s -> 3593.18s] ma, diciamo, non è quello il problema. Il problema è che lui, nell'82, continuava a rivendicare
[3593.38s -> 3602.18s] come è normale il fatto che si fosse accoppiata e avesse utilizzato questa madama, questa fanciulla, che poi i nostri soldati
[3602.28s -> 3610.18s] avevano, tra virgolette, sul diritto dell'epoca, di portare con loro e utilizzare quando ne avevano bisogno,
[3610.28s -> 3622.18s] come una sorta di serva schiava per varie esigenze. E, come vedete, nel suo racconto, dice, io in fondo di conti l'avevo pagata con un cavallo e un fucile, tutto a 500 lire,
[3622.18s -> 3633.08s] al padre che me l'aveva concessa. Ecco, se possiamo, anche qui, ci dice molto nella nostra mentalità, anche patriarcale, se volete, maschilista di oggi,
[3633.18s -> 3650.08s] se possiamo, forse, ecco, capire il Montanelli, il giovane Montanelli, no, soldato in Etiopia negli anni, nel 35, e poi è ingiustificabile il Montanelli dell'82, ma anche prima,
[3650.18s -> 3652.08s] perché un'altra intervista a Bisignano...
[3652.18s -> 3666.08s] L'Italia ripeterà le stesse cose, se non ricordo male, fine anni 60. Ecco, lì non fa ammenda, cioè, io lì ho sbagliato, anzi, continuo più o meno a ricordare come, fondamentalmente,
[3666.18s -> 3679.08s] quello che era successo era stato, di fatto, una cosa normale di quale non prendeva le distanze. Ecco, questo penso che sia poi il punto centrale.
[3679.18s -> 3682.08s] E qui, vedete, fondamentalmente, col fascismo...
[3682.18s -> 3700.08s] L'Italia ripeterà l'esclusione dei Mettici rispetto all'idea, anche liberale, che inizialmente c'era, se volete, anche con la missione civilizzatrice di una cittadinanza in parte inclusiva, seppur noi rimanevamo, diciamo, coloro che dovevano sottomettere gli indigeni.
[3700.98s -> 3712.08s] Nel 33 ci sarà, soprattutto, poi, quando arriverà anche Balbo, no, una cittadinanza di serie B ai libici, comunque sempre in maniera paternalista, e solo a chi dicevamo noi, a quelli che si...
[3712.18s -> 3724.88s] che si erano dimostrati molto servizievoli nei confronti degli italiani, e dal 40 in poi, ecco, qualsiasi partecipazione dei Mettici alla società bianca.
[3724.88s -> 3739.32s] E questa legge del 40 sarà abrogata solo nel 47. Ci vorrà anche un dibattito importante per abrogarla, in cui le persone nere, diciamo, anche quelli nati in Italia, anche quelli che nasceranno i cosiddetti figli della guerra,
[3742.18s -> 3754.74s] che è uscito per Enaudi, ultimamente, adesso mi sfugge il titolo, proprio su quei figli nati in Italia, no, durante, non solo il periodo dell'immediato secondo dopoguerra,
[3754.74s -> 3762.82s] che sarebbero cittadini italiani, ecco, questa linea del colore che ritorna, a quale noi non abbiamo fatto i conti.
[3762.96s -> 3767.02s] Chiudo, appunto, a suo...
[3767.02s -> 3771.94s] Come mai, poi, quest'utopia coloniale dell'oltremare italiano non ha trovato grandezza?
[3772.18s -> 3782.18s] Non ha trovato grande spazio e trova ancora oggi poco spazio. Qualcosa si sta muovendo, sono uscendo alcuni romanzi, eccetera, però, se penso anche, no, a...
[3782.18s -> 3794.88s] Il dibattito è ancora flebile e le motivazioni sono diverse. Iniziamo da, forse, il peccato originale per quanto riguarda noi studiosi e anche i nostri manuali di storia.
[3796.52s -> 3801.98s] Detentori anche della narrazione, nel secondo dopoguerra, di ciò che era successo, sono studiosi.
[3802.18s -> 3807.60s] Ex-colonialisti, che mantengono anche il monopolio degli archivi per tanto tempo.
[3808.06s -> 3820.82s] C'è una serie che si chiama L'Italia in Africa, che produrrà diversi volumi, che è finanziata dal Ministero degli Est, dal Ministero della Difesa, via dicendo, dal governo, fondamentalmente,
[3820.92s -> 3830.90s] che assolda questi ex-studiosi colonialisti e ripropongono, più o meno, la retorica degli anni Trenta, né più né meno.
[3830.90s -> 3831.90s] Quindi, come dire...
[3832.18s -> 3838.82s] Ci si è abbeverati a una storiografia che era ancora ancorata a quell'ideale che abbiamo visto.
[3839.16s -> 3840.44s] A quell'idea e a quell'ideale.
[3841.20s -> 3849.34s] Poi, l'altro grande problema, che fa sì che il dibattito in Italia e anche una traccia di quella memoria storica non sia presente,
[3849.48s -> 3858.90s] noi perdiamo le colonie, come dicevamo, il 10 giugno nel 1947, a livello ufficiale, il 10 febbraio del 1947, col Trattato di Pace,
[3858.90s -> 3861.90s] non abbiamo avuto un dibattito sulla decolonizzazione.
[3862.18s -> 3865.04s] Come gli altri imperi coloniali.
[3865.98s -> 3874.10s] Sì, poi ci sarà l'Afis, vi ricordate, sono tornati in auge un po' di problemi per quanto riguarda i conti con la Somaglia,
[3874.62s -> 3883.34s] un po' quando ci fu lo scandalo dei computer con dentro la segatura, no, per la cooperazione Italia-Somaglia, periodo di Craxi.
[3883.34s -> 3892.06s] E poi, quando Giuliano Ferrara denunciò i crimini, gli stupri dei nostri soldati nei confronti delle donne soldate.
[3892.06s -> 3892.16s] E poi, quando Giuliano Ferrara denunciò i crimini, gli stupri dei nostri soldati nei confronti delle donne soldate.
[3892.16s -> 3904.16s] E poi c'è stato un silenzio, un po' di questioni legate a Gheddafi, che continuava a chiedere, dopo il 1970, con la cacciata degli italiani,
[3904.90s -> 3914.96s] la riparazione dei danni di guerra, però una cosa molto strisciante, e dall'altro il dibattito l'hanno portato avanti un po' alcuni circoli,
[3914.96s -> 3921.96s] ma se volete, associazioni di ex coloni, in particolare dopo la cacciata di...
[3922.16s -> 3928.90s] di Gheddafi, ecco, questi coloni dell'oltremare, dei quali noi non ci siamo fatti carico.
[3929.04s -> 3943.30s] Se oggi pensiamo a quanto, ed è giusto così, ricordiamo i profughi del nostro confine orientale, no, Istriano, Idalma, De Fiumani,
[3943.30s -> 3951.78s] e quanto poco abbiamo discusso, ci siamo ricordati anche dei profughi dell'oltremare, nonostante furono fatte alcune leggi, eccetera.
[3951.78s -> 3959.90s] Questo è anche un modo per rimuovere, perché toccare quella storia voleva dire anche riprendere, ricordare anche l'altro.
[3960.42s -> 3971.82s] Certo, i profughi del confine orientale, seppur all'inizio si è sempre parlato, poi nel dibattito pubblico, più per le foibe che per loro,
[3971.88s -> 3978.42s] che sono state le vere vittime poi di tutta una serie di situazioni, si è discusso, però pensate ai profughi dell'oltremare,
[3978.66s -> 3979.94s] conosciamo ben poco.
[3981.78s -> 3987.50s] Questi si ritrovano dentro i campi, ci stanno per periodi molto lunghi, e giù perdono tutto,
[3988.20s -> 3994.80s] e tra l'altro stritolati sia da questioni geopolitiche che dal fatto che noi non ripariamo i danni di guerra,
[3994.98s -> 3998.56s] e all'Etiopia, per esempio, non consegniamo i presunti criminali di guerra.
[3998.56s -> 4003.44s] L'Etiopia sarà uno dei paesi che chiederà Badoglio e Graziani per poterli processare,
[4003.78s -> 4009.52s] e altri che avranno commesso i crimini che conosciamo, e gli inglesi dicono no, non lo potete fare,
[4009.68s -> 4011.56s] perché se inizia l'Etiopia...
[4011.78s -> 4017.24s] e c'è un precedente che chiede che dei bianchi vengano processati per dei crimini contro i neri,
[4017.94s -> 4022.90s] immaginiamoci anche noi, e quindi li blocca sul nascere.
[4023.02s -> 4027.76s] E poi la polemica tra Montanelli e De Boca, vi ricordate, sull'uso dei gas.
[4028.36s -> 4033.56s] Alla fine, qui Montanelli riconoscerà che De Boca aveva ragione,
[4033.70s -> 4036.72s] perché però ci sono voluti i documenti dello Stato Maggiore della Difesa,
[4036.72s -> 4041.76s] l'archivio che dice, guardate, è vero, ecco i documenti, a metà degli anni 90,
[4041.78s -> 4046.36s] e anche lì, Montanelli dice, io non li ho mai visti, no?
[4047.04s -> 4050.54s] E lui dice, guardate, ci sono i documenti dell'uso dei gas contro la popolazione,
[4050.66s -> 4054.26s] ecco anche quello è una rimozione, e lui magari ci credeva veramente,
[4054.36s -> 4056.48s] Montanelli oppure faceva finta di nulla.
[4056.56s -> 4059.42s] Poi quando vide i documenti, allo Stato Maggiore della Difesa,
[4059.90s -> 4068.64s] gli confermò che quelli erano stati veramente utilizzati, e via dicendo.
[4068.64s -> 4071.64s] E poi il nostro dibattito pubblico è carente,
[4071.78s -> 4076.54s] è carente di conoscenza anche perché quando tocchiamo la storia delle ex colonie
[4076.54s -> 4081.90s] è sempre dovuta ad emergenze attuali, gli immigrati che arrivano dalla Libia,
[4082.38s -> 4089.36s] le questioni legate magari a momenti di lotta interna e intestina tra l'Etiopia e l'Eritrea,
[4090.44s -> 4094.20s] un piccolo dibattito c'era stato anche per le pensioni degli Ascari,
[4094.72s -> 4096.68s] che avevano combattuto con le nostre truppe,
[4096.68s -> 4101.56s] però ecco, sempre questioni che non ci allargano l'orizzonte, no?
[4101.78s -> 4104.84s] Quando parlavo di analfabetismo della storia coloniale,
[4104.90s -> 4109.02s] è iniziale dei nostri giornalisti, che spesso prendono delle cantonate incredibili,
[4109.10s -> 4114.66s] anche nelle ultime cosiddette primavere arabe.
[4115.18s -> 4121.58s] Io scrissi un pezzo nel marzo del 2011, a febbraio inizia la rivolta in Libia,
[4122.16s -> 4125.28s] per il giornale dei missionari comboniani,
[4125.28s -> 4131.34s] e purtroppo chi conosce quel territorio, la sua storia, sono stato facile profeta.
[4131.78s -> 4134.98s] L'ho detto, sciagura per almeno vent'anni,
[4135.20s -> 4139.74s] e quello che poi è successo, perché Gheddafi era un dittatore, sicuramente,
[4140.40s -> 4145.20s] però era un equilibrio molto delicato, e se lo vai a toccare esplode,
[4145.50s -> 4150.32s] e tuttora la popolazione libica ne sta subendo, diciamo, le conseguenze.
[4150.42s -> 4152.50s] Comunque, ecco, dovuto anche a questo.
[4152.50s -> 4159.50s] E poi, se pensiamo al film di Akkad del 1981, Il leone del deserto,
[4160.12s -> 4161.60s] con un cast strepitoso.
[4161.78s -> 4162.98s] Se volete un polpettone.
[4163.54s -> 4167.12s] Però, che denunciava i crimini italiani contro i libici,
[4167.28s -> 4169.82s] i campi di concentramento costruiti nel 1930,
[4170.40s -> 4176.60s] e qui Nicola Labbanca ci ricorda come alcuni esperimenti fatti in colonia di violenza,
[4176.70s -> 4178.98s] poi li ritroveremo nella seconda guerra mondiale, no?
[4179.54s -> 4183.26s] La colonia è quasi un laboratorio per alcune tecniche.
[4183.90s -> 4189.40s] E ancora oggi, ufficialmente, Il leone del deserto è un film che non potrebbe essere trasmesso,
[4189.52s -> 4191.66s] perché è stato censurato per violenza.
[4191.78s -> 4193.86s] Il dipendio alle forze armate nell'81.
[4194.88s -> 4198.70s] Poi, vabbè, Sky l'ha mandato in onda, qualche spezzone sulla sette,
[4199.10s -> 4204.46s] ma qui ci sarebbe anche Fascist Legacy, il documentario di Michel Palumbo nel 1989,
[4204.80s -> 4207.82s] che la RAI compra i diritti e lo mette in un cassetto, non lo fa vedere.
[4208.36s -> 4210.18s] Beh, diciamo, su questo ancora ci vergognavo.
[4210.18s -> 4215.28s] Cioè, non siamo ancora un popolo maturo per fare i conti con questo passato così scomodo.
[4215.64s -> 4218.52s] Ed è ora, diciamo, forse che lo facciamo.
[4219.04s -> 4221.38s] E, ultimamente, sono stati a vedere una mostra,
[4221.38s -> 4228.80s] al Vittoriane, sui crimini nazifascisti.
[4232.14s -> 4239.80s] E, purtroppo, la mostra, finanziata anche dallo Stato Maggiore dell'Esercito,
[4240.72s -> 4245.68s] in parte anche appoggiata dal nostro Istituto Nazionale, e via dicendo,
[4247.22s -> 4250.84s] ripropone un cliché in cui gli italiani sono sempre vittime, no?
[4251.38s -> 4253.96s] Con anche una mistificazione di situazioni.
[4254.08s -> 4256.86s] Comunque, se vi capita, andatela a vedere, ma è un modo in quale
[4256.86s -> 4260.58s] il nostro dibattito storiografico, le acquisizioni,
[4261.12s -> 4264.26s] sono arrivate a un certo punto e lì si torna indietro, no?
[4264.38s -> 4268.84s] Si torna nel mito del bravo italiano vittima, cioè ancora la vittima presente.
[4268.84s -> 4274.76s] Un dibattito del genere sarebbe impensabile non solo in Germania,
[4274.84s -> 4278.34s] ma penso oggi anche in altri paesi che hanno collaborato con le truppe naziste.
[4278.42s -> 4281.24s] E anche il modo in cui è stata proposta, a parte questa polemica,
[4281.38s -> 4283.08s] attuale, ma ci dice molto, no?
[4283.08s -> 4287.54s] Anche su quello non possiamo dire come effettivamente le cose sono andate,
[4287.62s -> 4288.86s] almeno raccontare i fatti.
[4289.46s -> 4294.56s] E volevo chiudere con questo PowerPoint che poi, ecco, per gli insegnanti,
[4294.68s -> 4299.96s] troverete anche in rete, poi lo lascerò comunque perché ho fatto alcune integrazioni,
[4300.54s -> 4304.18s] dell'insegnamento ricerca antiscimitale di storia di questa Marina Medi,
[4304.36s -> 4309.46s] vedete, del 28 novembre 2011, e la rimozione del periodo coronale
[4309.46s -> 4311.08s] della Marina di Storia e della Mass Media, no?
[4311.38s -> 4313.52s] Che penso possa interessare.
[4313.62s -> 4316.64s] È un po' datato, alcune cose sono per fortuna cambiate,
[4316.76s -> 4321.54s] ma non in maniera così importante.
[4321.70s -> 4323.74s] Scusate, vi controllo. Mantieni tu l'orario?
[4324.06s -> 4324.64s] Scusami, eh?
[4325.60s -> 4333.80s] E vi dicevo, partiamo, appunto, ci fa vedere come la retorica, appunto,
[4333.88s -> 4337.76s] dell'immaginario, un tema che ho già in parte toccato,
[4338.42s -> 4341.26s] era presentata nella scuola liberale e nella scuola fascistica.
[4341.38s -> 4347.20s] Se prendiamo dei manuali di quel periodo, questi sono più o meno
[4347.20s -> 4353.00s] i temi più presenti, l'esplorazione, i luoghi, vabbè, richiamo la Roma antica,
[4353.50s -> 4358.46s] la civiltà universale, i diritti della conquista, vabbè, l'eroismo italiano
[4358.46s -> 4362.60s] e via dicendo, fino all'impero che era un destino per l'Italia.
[4362.70s -> 4366.80s] Qui vi faccio vedere queste, spesso erano dei quaderni, no?
[4366.80s -> 4371.18s] Che facevano vedere anche da un punto di vista geografico, il corno d'Africa,
[4371.38s -> 4376.50s] la visione della donna africana e, vedete, l'italiano con l'ascaro
[4376.50s -> 4379.48s] e la popolazione che si inginocchia.
[4380.40s -> 4387.76s] E nel primo dopoguerra, no, c'è ancora un ritardo negli impianti dei manuali,
[4388.14s -> 4391.14s] nel secondo dopoguerra, sempre, diciamo, dopo la seconda guerra mondiale.
[4391.70s -> 4396.66s] E qui vi dicevo per i motivi che abbiamo visto, anche perché la storiografia,
[4396.66s -> 4400.80s] anche gli archivi sono in mano a ex colonialisti, studiosi, diciamo,
[4401.38s -> 4407.56s] anche studiosi ex colonialisti, appunto, e tutti gli argomenti,
[4407.84s -> 4412.22s] in particolare quella serie L'Italia in Africa, che serviva anche a ricordare
[4412.22s -> 4416.96s] il nostro diritto a tenere almeno la Tripolitania, vedete cosa raccontano.
[4417.10s -> 4422.98s] Ancora una volta, c'è bisogno, nel secondo dopoguerra, uno sbocco per i nostri contadini.
[4423.62s -> 4427.96s] Cioè, se avessimo avuto ancora le nostre colonie, i contadini del meridione
[4427.96s -> 4431.32s] non dovevano emigrare in Germania, in Svizzera, in Belgio.
[4431.38s -> 4436.76s] Ma c'era negli Stati Uniti oppure nel nord Italia.
[4437.26s -> 4440.28s] Avevano lì la colonia libica e quindi potevano andare lì.
[4440.40s -> 4443.92s] E nuovamente ritorna l'idea di desiderare la terra ad altri,
[4444.02s -> 4446.88s] come se, ripeto, i libici non esistessero.
[4447.60s -> 4450.16s] E poi, nuovamente, la missione civilizzatrice.
[4450.30s -> 4454.52s] Qui io ho studiato la biografia di Massimo Adolfo Vitale,
[4454.52s -> 4461.36s] che era un ebreo torinese, che dirigerà nel dopoguerra,
[4461.38s -> 4465.94s] lui ha una storia incredibile, è stato anche vice-prefetto di Derna,
[4466.88s -> 4469.84s] fonda l'aviazione nel corno d'Africa, in Somalia,
[4470.34s -> 4472.24s] un personaggio veramente incredibile.
[4473.06s -> 4478.22s] Poi, ebreo, sarà cacciato nel 39 per le reggi razziste del fascismo
[4478.22s -> 4481.86s] e torna in Italia nel 44 con gli alleati
[4481.86s -> 4486.90s] e inizia a cercare le notizie dei suoi familiari ebrei di Torino,
[4486.90s -> 4490.52s] che poi scompariranno la mamma, 90enne, la sorella,
[4491.38s -> 4493.82s] di 60 anni, saranno inghiottite da Auschwitz.
[4494.20s -> 4499.78s] E lui da lì inizia a realizzare quello che oggi noi conosciamo come il libro della memoria.
[4500.34s -> 4503.18s] Tutte le informazioni, se andate anche sul sito del CEDEC,
[4503.70s -> 4505.94s] troverete questa figura che è poco conosciuta.
[4506.48s -> 4510.32s] Qui non so fino a che punto anche il Centro di Comitazione Ebraica
[4510.32s -> 4514.14s] o gli studiosi ebrei l'hanno voluto tenere un po' nell'ombra,
[4514.14s -> 4518.24s] perché lui è rimasto un profondo nazionalista e colonialista nel dopoguerra.
[4518.64s -> 4521.14s] Gestirà il Museo Coloniale Italiano,
[4521.38s -> 4527.82s] il museo che poi è rimasto in piedi in via Altrovandi,
[4527.92s -> 4529.96s] almeno fino agli anni Ottanta,
[4530.08s -> 4533.24s] cioè non ha ancora degli animali vicino a Villa Borghese, per intenderci.
[4533.84s -> 4536.62s] E lui ancora continuava a pensare,
[4536.74s -> 4543.00s] ecco, quest'uomo che poi raccoglie 7.000 nomi di ebrei deportati nei campi nazisti,
[4543.56s -> 4547.50s] e continua ad avere l'idea e a affermare
[4547.50s -> 4551.26s] che l'unico modo per far avanzare gli indigeni
[4551.26s -> 4551.36s] era per far avanzare l'ebreo.
[4551.36s -> 4551.38s] E lui, che è un uomo che è un uomo che è un uomo che è un uomo che è un uomo che è un uomo,
[4551.38s -> 4556.80s] è quello di colonizzare e di utilizzare la fermezza e quindi la missione civilizzatrice.
[4556.96s -> 4561.72s] Quindi, come dire, anche persone che avevano subito su di loro il razzismo,
[4561.88s -> 4564.50s] sulla loro famiglia, eccetera, mantengono quegli imprendi.
[4565.14s -> 4569.18s] E poi l'operosità del soldato colono, cioè in molti manuali nel dopoguerra,
[4569.26s -> 4573.26s] abbiamo dissodato le terre, abbiamo reso fertile il deserto.
[4573.40s -> 4576.58s] Oggi loro si ritrovano in un lavoro che abbiamo fatto noi come coloni,
[4576.64s -> 4580.72s] alcuni ex coloni che tornano nel Partito dell'Accorno d'Africa rivendicano questo.
[4580.72s -> 4585.72s] E poi, ecco, la solita retorica del buon italiano rispetto agli altri colonialismi,
[4586.40s -> 4591.60s] che, come vi dicevo, almeno fino a poco tempo fa, era ben presente in tanti manuali.
[4592.24s -> 4597.92s] E dagli anni Settanta, un passaggio ulteriore, il tema un po' si riduce sempre di più,
[4598.50s -> 4603.40s] anche perché c'è uno stacco dal periodo, diciamo, della perdita delle colonie,
[4603.48s -> 4606.06s] anche nel dibattito non è così presente.
[4606.74s -> 4609.66s] Diciamo anche per quanto riguarda, per esempio, la Libia,
[4609.66s -> 4615.30s] l'Eni riesce anche qui con Mattei ad ottenere una serie di successi
[4615.30s -> 4620.66s] e quindi si tenta di mantenere in piedi un rapporto meno conflittuale.
[4621.32s -> 4626.98s] E la trattazione fondamentalmente della politica liberale e fascista
[4626.98s -> 4634.66s] poi viene abbastanza meno enfatizzata ed è meno presente.
[4634.66s -> 4639.42s] Ecco, fino agli anni Ottanta possiamo dire, ecco, se andiamo ad immaginare,
[4639.66s -> 4643.60s] il periodo in cui io mi sono formato su alcuni di questi manuali, alcuni libri,
[4644.24s -> 4649.04s] tutt'oggi la storiografia del nostro colonialismo rimane abbastanza scarsa.
[4649.26s -> 4653.72s] Sono pochi gli storici che si occupano di colonialismo rispetto ad altri paesi.
[4653.86s -> 4660.74s] Eppure è una storia importante che, come abbiamo visto, dal 1885 almeno fino al 43
[4660.74s -> 4663.86s] ci ha visto paradossalmente in un modo e anche nel periodo successivo
[4663.86s -> 4668.68s] questo cordone umbilicale, per vari motivi, non è stato così reciso in maniera netta.
[4669.66s -> 4674.62s] Altro anche per, come dicevo, il neocolonialismo che, diciamo, è ancora ben presente.
[4675.42s -> 4680.34s] E il motivo è stato anche che per tanti anni non c'è stato un accesso libero alle fonti,
[4680.42s -> 4685.26s] in particolare all'archivio del Ministero degli Esteri e a quello degli SIAO.
[4686.16s -> 4694.24s] Solo pochi studiosi affidabili avevano il monopolio di poter utilizzare quelle carte.
[4694.80s -> 4699.56s] Quindi almeno fino agli anni Ottanta è stato molto difficile andare a vedere,
[4699.66s -> 4700.86s] a vedere alcune carte.
[4700.96s -> 4707.60s] Lo stesso Angelo Del Bocca, che inizia nel 1965 a interessarsi di questi temi,
[4707.70s -> 4711.22s] avrà varie difficoltà, un po' perché non erano stati riordinati.
[4711.70s -> 4717.42s] In alcuni casi, come dicevo, perché plecusi agli studiosi non affidabili a vedere alcune carte.
[4718.00s -> 4723.88s] E sicuramente la sua opera comunque è fondamentale per chi voglia studiare.
[4724.00s -> 4728.60s] E in alcuni casi, se andate a vedere le note, per la ricostruzione di alcuni episodi,
[4728.60s -> 4734.80s] seppur lui ha visto tanto negli archivi, si affida anche alle cronache dell'epoca giornalistiche
[4734.80s -> 4741.78s] oppure naturalmente alle cronache di altri studiosi che denunciano oppure ricostruiscono alcuni fatti.
[4742.38s -> 4748.56s] E poi, come dicevo, alcuni degli storici, citavo Del Bocca ma non solo lui,
[4749.26s -> 4753.58s] sono stati messi ai margini oppure veramente censurati.
[4753.58s -> 4758.58s] Vi ricordavo il lavoro e anche il libro che doveva uscire per Rizzoli, di Michel Palumbo,
[4759.46s -> 4764.40s] Fascist Legacy, che poi non è uscito mai, non si è capito se è stato messo al macero.
[4764.50s -> 4768.58s] Rizzoli compra i diritti ma non si sa bene che fine abbia fatto il manoscritto.
[4770.00s -> 4771.24s] Non è mai uscito però.
[4771.40s -> 4776.46s] Come il video, oggi magari si può vedere su YouTube, ma fin quando non c'è stata la rete,
[4776.46s -> 4783.56s] almeno per diffondere alcune notizie, diciamo, quel documentario è stato totalmente, come dire,
[4783.68s -> 4787.12s] stromesso, siamo stati come cittadini stromessi da poterlo visionare.
[4787.26s -> 4788.46s] E parliamo della fine degli anni Ottanta.
[4788.60s -> 4795.62s] E poi, naturalmente, qual è la retorica che poi la politica...
[4795.62s -> 4803.36s] Ma ci sono altri temi più urgenti da affrontare, la storia coloniale, c'è il problema con gente
[4803.36s -> 4810.32s] oppure è bene che si parli d'altro, sempre cose tristi, perché rimbangare tutta una serie di cose.
[4810.32s -> 4816.54s] Quindi, fondamentalmente, anche il tema, anche dai cosiddetti curriculum ministeriali,
[4816.58s -> 4818.32s] non è mai stato ben affrontato.
[4818.60s -> 4829.72s] E poi, ecco, l'idea che la storia del Novecento, come sapete, non ci si arriva mai in maniera molto tranquilla.
[4830.50s -> 4835.40s] E immaginiamoci negli anni Ottanta, da va bene se arrivavi, no, alla Prima Guerra Mondiale,
[4835.98s -> 4839.88s] le ore di storia sono state ulteriormente deportate negli ultimi anni,
[4840.12s -> 4843.46s] poi bisogna fare ormai educazione, sapete benissimo meglio di me,
[4843.46s -> 4848.56s] e questo desiderio di rimozione, anche perché l'idea del buon italiano è un'idea
[4848.60s -> 4855.78s] che ci fa comodo, cioè il pensare che noi, fondamentalmente, siamo stati meno criminali degli altri
[4855.78s -> 4861.84s] o, come dire, sicuramente meno cattivi nei confronti della popolazione locale.
[4861.88s -> 4866.00s] Allora, adesso la situazione è sicuramente cambiata, cioè se ci vogliamo informare,
[4866.10s -> 4872.06s] vogliamo anche dei testi fatti abbastanza bene, si possono trovare, possiamo utilizzare la rete,
[4872.06s -> 4877.02s] possiamo utilizzare gli istituti che fanno corsi di formazione, ci sono delle mostre,
[4877.46s -> 4878.06s] ci sono sicuramente...
[4878.60s -> 4886.88s] Ci sono sicuramente ulteriori ricerche storiche, seppur non così diffuse e così ampie come in altri paesi.
[4887.46s -> 4892.90s] Ci sono delle raccolte di testimonianze, stanno uscendo tanti romanzi, anche qui al Fessi della letteratura,
[4892.98s -> 4898.10s] quest'anno ho visto, sono stati presentati vari romanzi, con un'attenzione,
[4898.10s -> 4907.76s] perché questi romanzi sono anche fatti benissimo, penso al ritorno uscito per Enaudi,
[4907.86s -> 4908.58s] proprio sulla letteratura.
[4908.60s -> 4916.52s] Libia, mi ricorderò il nome dell'autore, bravissimo scrittore, o ad altri testi,
[4916.62s -> 4924.32s] oppure sulle donne, il Re Ombra, sulle donne che hanno presentato proprio l'ultimo Fessi della letteratura,
[4924.44s -> 4929.84s] sulle donne etiopi che hanno combattuto, hanno fatto la resistenza contro gli italiani.
[4929.84s -> 4938.34s] Ne sono usciti diversi, iniziare anche dai Gavascego, la linea del colore, oppure penso anche,
[4938.44s -> 4938.58s] all'ultimo Fessi della letteratura, sulle donne che hanno fatto la resistenza contro gli italiani,
[4938.60s -> 4944.02s] l'ultimo Scurati, su M, che affronta proprio i temi dei campi di concentramento in Libia.
[4944.56s -> 4946.54s] Cioè, qualcosa si sta muovendo.
[4946.80s -> 4952.40s] Il problema qual è? Vedo che però i temi si stanno sempre polarizzando sulle mode del momento,
[4952.54s -> 4955.84s] un po' la storia di genere, dall'altra la storia dei crimini, no?
[4956.42s -> 4958.88s] Come vedete, invece, la storia è un po' più complessa.
[4960.62s -> 4964.30s] Però aiutano, aiutano a creare curiosità, a creare dibattito,
[4964.30s -> 4968.56s] e ci sarebbero tante altre cose, naturalmente, che potrebbero essere,
[4968.60s -> 4972.28s] utilizzate per raccontare questo periodo.
[4972.36s -> 4981.12s] Comunque, sicuramente, le colonie, in particolare la Libia, ormai hanno a che fare con l'attualità, no?
[4981.76s -> 4987.36s] E va a ondate, a seconda anche di come gli algoritmi dei vari mezzi di comunicazione
[4987.36s -> 4991.64s] le mettono, no, come prima, terza, seconda o quarta notizia,
[4991.64s -> 4994.64s] in particolare sull'immigrazione, anche la monotomatica.
[4995.18s -> 4998.44s] Però sappiamo bene che adesso, con la crisi anche energetica,
[4998.44s -> 5005.86s] no, che ritornerà di nuovo, ne sono convinto, la questione anche del petrolio e del gas,
[5005.86s -> 5012.44s] in particolare per la Libia, e l'altro grande tema è che alcune crisi climatiche,
[5012.44s -> 5018.62s] anche rispetto ai corsi d'acqua, diciamo, sarà al centro di tutto.
[5018.62s -> 5028.08s] E poi andiamo a vedere alcuni momenti importanti, per esempio, sui crimini, su molti manuali,
[5028.44s -> 5031.56s] ho visto ormai è quasi presente l'uso dei gas, no?
[5032.26s -> 5038.14s] Quindi lo ritroviamo, lo sapete meglio voi che io, sfogliando alcuni manuali,
[5038.24s -> 5040.82s] non dico tutti, ma diversi, è presente.
[5041.02s -> 5048.00s] Stesso discorso anche le vignette e in alcuni casi anche le leggi razziste del 37
[5048.00s -> 5054.38s] sono accennate, ma qualche informazione c'è, anche come alcune di queste immagini che qui vedete.
[5055.86s -> 5058.20s] C'è ancora molto da fare, però, perché non è...
[5058.44s -> 5065.04s] non è che ci sia una coscienza civile così diffusa, e in particolare, nonostante ormai
[5065.04s -> 5071.10s] la nostra società e le nostre scuole sono sempre di più multietniche, che sarebbe
[5071.10s -> 5072.44s] una ricchezza anche, no?
[5072.44s -> 5080.54s] Con una visione veramente anche interessante, c'è ancora una difficoltà, ripeto, ad entrare
[5080.54s -> 5085.02s] anche nelle questioni della legislazione razziale, che crea un cortocircuito, in particolare
[5085.02s -> 5087.10s] sulla cittadinanza, no?
[5087.10s -> 5088.06s] Delle seconde generazioni.
[5088.06s -> 5089.22s] Delle seconde generazioni di migranti.
[5089.80s -> 5095.14s] Oggi si parla di ius solis e via dicendo, ma se pensiamo che uno deve aspettare 18 anni
[5095.14s -> 5100.38s] e magari parla il dialetto abruzzese meglio di me, e anche l'italiano, veramente lo trovo
[5100.38s -> 5106.08s] fuori dal mondo, in un paese che sta invecchiando come il nostro, non dare i pieni diritti e
[5106.08s -> 5111.66s] quindi continuare a sfruttare la loro difficoltà per il rinnovo di un permesso di soggiorno,
[5111.74s -> 5115.38s] veramente lo trovo umiope, in tutti i sensi, oltre che razzista.
[5116.02s -> 5117.14s] E poi tutta una serie di...
[5118.06s -> 5124.84s] Di questioni che spesso vengono, diciamo, degli sfondoni, chiamiamoli così, su alcuni manuali,
[5124.84s -> 5128.24s] ma qui cito quello del...
[5128.24s -> 5132.10s] Di Alula, vabbè, invece che...
[5132.10s -> 5137.90s] Ci sono degli errori anche in alcuni manuali, anche perché, come dire, non sempre gli stessi autori
[5137.90s -> 5139.12s] controllano tutto, no?
[5139.22s -> 5142.94s] Sapete, il manuale molte volte è una collaborazione tra più voci.
[5143.46s -> 5146.84s] Chi lo firma dovrebbe curarlo, però non sempre gli errori...
[5147.90s -> 5147.94s] Cito questo...
[5148.06s -> 5153.52s] Cito quello, ma posso vedere anche quello di De Bernardi, con, diciamo, fondamentalmente
[5153.52s -> 5157.12s] delle frasi più o meno discutibili.
[5157.52s -> 5161.40s] Sono degli amici, quindi me lo posso permettere di citare i loro manuali.
[5161.88s -> 5167.68s] E poi vediamo il vero problema, secondo me, è il modello didattico, ne parlavo anche con Giorgia.
[5168.16s -> 5175.42s] Qual è, secondo me, l'aspetto, appunto, che forse può essere fatto, ma se volete poi ne discutiamo.
[5176.58s -> 5177.90s] Ora, la storia...
[5177.90s -> 5183.50s] La storia del colonialismo è molto spezzettata, non ha questa, diciamo, visione di lungo periodo, no?
[5183.50s -> 5192.44s] Magari uno arriva a parlare, appunto, la Baia di Assab, l'Eritrea, poi se ne riparla forse con Adua o il Trattato di Uccialli,
[5192.84s -> 5200.70s] dopodiché la conquista della Libia, poi forse con l'Etiopia e qualche parola magari arriva quando si deve parlare
[5200.70s -> 5203.26s] o di Seconda Guerra Mondiale, con El Amen, no?
[5203.26s -> 5207.16s] Si capisce che si è combattuto in Libia e pochissimo sul documento.
[5207.16s -> 5213.24s] Però è tutto spezzettato, cioè quando tu arrivi a parlare poi, non so, della Seconda Guerra Mondiale,
[5213.58s -> 5216.54s] ti sei dimenticato che la Libia dall'Undici era già una...
[5216.54s -> 5223.10s] Cioè, forse il metodo tematico sul lungo periodo potrebbe essere un modo, cioè affronti il colonialismo,
[5223.18s -> 5233.58s] gli dedichi magari tre, quattro lezioni, fai delle puntate, la butto là come strategia per approfondire alcuni passaggi
[5233.58s -> 5236.58s] e forse, magari, il tema può risultare...
[5237.16s -> 5243.56s] più chiaro, ecco, quindi di capire dei diversi e così lontani nei manuali di storia.
[5243.56s -> 5258.80s] E poi, ecco, magari cercare anche di capire come la storia delle colonie, delle nostre colonie,
[5259.24s -> 5265.62s] è una storia anche che può essere vista da quello che accade oggi, quindi attualizzarla.
[5267.16s -> 5273.62s] Attualizzarla vuol dire anche capire che se hai dei flussi migratori che arrivano anche dal corno d'Africa
[5273.62s -> 5278.22s] e non staccarla anche dagli altri imperi coloniali, no?
[5278.44s -> 5285.46s] Cioè, cercare anche di... io non sono contrario al... anzi, sono anche favorevole a quelle di fare dei paragoni
[5285.46s -> 5290.56s] oppure delle comparazioni su vari tipi di colonialismo e via dicendo,
[5290.70s -> 5295.24s] ma alcuni temi, perché alcuni temi poi sono comuni, cercando magari di distinguerle.
[5295.24s -> 5297.04s] L'altra strategia è anche...
[5297.16s -> 5302.26s] L'altra strategia è anche quella di, appunto, adottare alcuni romanzi da affiancare al manuale
[5302.26s -> 5305.80s] che possono dare la possibilità di affrontare alcuni temi.
[5306.38s -> 5309.34s] E, ultima cosa, venire naturalmente a visitare la mostra.
[5309.72s -> 5310.14s] Grazie.
[5318.10s -> 5321.06s] Abbiamo giusto dieci minuti per il dibattito, ecco.
[5327.16s -> 5332.16s] Perché purtroppo un treno, e se perdo quello, poi a tornare...
[5334.16s -> 5337.16s] Eccoci qua. Quindi non... spero...
[5337.72s -> 5347.84s] Assolutamente, assolutamente.
[5347.98s -> 5352.16s] Come dici, l'altro grande problema, diciamo, l'altro grande...
[5352.16s -> 5357.16s] Una delle questioni che fa parte anche della nostra... forse avevo spetta, perché...
[5357.16s -> 5364.80s] Poi, per chiudere, lo troverete anche qui, eh, sulla fotomastica, i mezzi di comunicazione.
[5365.24s -> 5366.98s] Poi vi lascio tutto questo materiale.
[5368.16s -> 5369.98s] Su... avevo la...
[5371.34s -> 5379.34s] Vabbè, ci arriverò, eh, perché c'era la parte che riguardava anche la stella di Axum.
[5379.40s -> 5380.58s] Vabbè, adesso non lo trovo.
[5381.44s -> 5384.12s] Perché anche questo è l'altro grande tema.
[5386.04s -> 5386.98s] Alcune... la retorica...
[5387.16s -> 5398.22s] L'ho saltato, forse mi è saltata la slide, perché è una slide proprio sui segni di memoria del colonialismo nell'Italia, diciamo, sia all'epoca che di oggi.
[5398.64s -> 5402.54s] Diciamo, all'epoca, dico, che alcuni luoghi, anche dedicati...
[5402.54s -> 5408.60s] Ho fatto l'esempio dei fori imperiali a Roma, ma in ogni città, magari nel periodo...
[5408.60s -> 5411.16s] Alcune sono state cancellate, ma molte sono ben presenti.
[5412.38s -> 5416.16s] Via Adua, via, appunto, Magallè, via Jarabub...
[5417.16s -> 5427.82s] Per non dire anche dei monumenti che ricordano anche periodi nefasti del periodo coloniale.
[5428.00s -> 5432.76s] Citavo il mausoleo, naturalmente, dedicato a Graziani, forse l'apice di questa memoria.
[5432.90s -> 5441.64s] E che non sono stati cancellati e che non sono state cambiate, messe lì nel periodo, appunto, coloniale, per esaltare il colonialismo italiano.
[5442.04s -> 5446.04s] Per esaltare anche, ricordare alcuni, tra virgolette, poi...
[5447.16s -> 5452.70s] Cattoliche eroi. Anzi, alcuni sono stati anche esaltati nel dopoguerra.
[5452.80s -> 5461.88s] Penso ai giardini Cavallero, inaugurati, se non vado errato, dieci o quindici anni fa, a Casale Monferrato.
[5462.26s -> 5464.40s] E Cavallero è stato uno di quelli...
[5464.40s -> 5471.98s] Sì, un bravo soldato, mi viene dicendo qualcuno, però quello che in Etiopia, e non solo lì, ha avuto delle responsabilità enormi.
[5471.98s -> 5476.28s] Eppure, quindici anni fa, mi sembra di ricordare, gli hanno dedicato...
[5477.16s -> 5479.28s] A Casale Monferrato, gli hanno dedicato i giardini.
[5479.64s -> 5481.64s] Cioè, non così lontano, il tempo.
[5482.28s -> 5492.70s] Poi, penso anche che qui a Mantua, adesso forse lo sapete meglio voi di me, ci saranno sicuramente anche insospettabili, diciamo, come dire, militari o...
[5492.70s -> 5495.64s] Che sono stati esaltati dalla retorica.
[5496.38s -> 5500.38s] Voglio ricordare, ecco, che l'abbiamo affrontato a Merano, Otto Uber.
[5500.76s -> 5505.04s] Fu esaltato tantissimo via Otto Uber a Merano, proprio lì dove...
[5505.04s -> 5506.64s] Il centro di Merano, dove ci sono le cose...
[5507.16s -> 5513.94s] Diciamo, c'è la sala civica e le vecchie vere terme romane, non dove l'hanno costruite poi ultimamente.
[5514.60s -> 5521.28s] E Otto Uber è un suttirolese che va a combattere con gli italiani in Libia.
[5521.80s -> 5532.62s] Muore e a Bolzano ci sono anche i filmati luce, ci sarà anche il duce che tende la salma con ali di folla, no?
[5532.62s -> 5536.66s] E tuttora c'è via Otto Uber, lui è uno che combatteva.
[5537.16s -> 5539.10s] Esaltato dal regime ed è rimasta lì.
[5539.52s -> 5545.96s] Anche quando c'è stato il tentativo di cambiare il nome, poi ciò non è avvenuto.
[5546.04s -> 5552.58s] Quindi il fatto dei segni del nostro periodo coloniale sono ben presenti in molte città.
[5553.08s -> 5556.32s] Potrebbero, ecco, anche qua il dibattito, no?
[5556.32s -> 5557.42s] Un po' come per le statue.
[5557.96s -> 5560.80s] Le cancelliamo, le utilizziamo, prendiamo spunto.
[5560.80s -> 5566.90s] Questa è una questione che può trovarci d'accordo.
[5567.00s -> 5567.08s] Indisputabile.
[5567.16s -> 5568.72s] D'accordo qua sia la cosa migliore.
[5568.98s -> 5572.74s] Secondo me in alcuni casi bisogna cercare di far capire, far conoscere.
[5573.20s -> 5578.40s] Magari delle statue puoi pensare anche di metterle in un museo e togliere dalla pubblica piazza,
[5578.48s -> 5580.36s] se sono proprio così retoriche, no?
[5581.20s -> 5585.04s] Addobbati magari da fasci littori e da, come dire...
[5585.04s -> 5589.84s] Oppure, come suggerivano anche altri, tentare di spiegare, no?
[5590.08s -> 5592.94s] Cosa che non accade nemmeno oggi quando si mette un nome.
[5593.66s -> 5596.84s] Tante volte si metteva almeno patriota, eroe risorgimentali,
[5597.16s -> 5598.52s] tale, pittore.
[5599.20s -> 5602.40s] Adesso, certo, dice, beh, hai Google, vai a vedere chi è.
[5602.54s -> 5607.42s] Però, diciamo, trovo corretto tante volte dargli anche un significato.
[5607.52s -> 5613.44s] E anche quella della toponomastica, l'Istituto Nazionale ci sta lavorando con la rete
[5613.44s -> 5617.00s] per particolare sui segni del fascismo, in verità,
[5617.52s -> 5623.02s] dove però rientra anche la toponomastica, chiamiamola coloniale, di stampo fascista.
[5623.72s -> 5627.00s] E anche lì si è aperto un dibattito anche su quello che sapete è successo,
[5627.16s -> 5630.94s] adesso già negli Stati Uniti e nel resto d'Europa,
[5631.10s -> 5636.14s] sulle statue di personaggi che hanno avuto un ruolo nel periodo coloniale.
[5637.08s -> 5642.24s] Si abbattono, no, le statue, si cancellano, no, le vie, e cosa fare?
[5642.24s -> 5644.60s] Ecco, questo forse è un dibattito ancora aperto.
[5644.72s -> 5649.30s] Io non sarei per una, diciamo, come di prestare iconoclasta su tutto.
[5649.96s -> 5653.50s] In alcuni casi sono d'accordo che alcuni simboli, in particolare del fascismo,
[5653.62s -> 5657.14s] andrebbero rimossi anche per il modo con il quale sono proposti.
[5657.16s -> 5660.94s] Anche qui c'era stata una stele, se non ricordo male,
[5661.06s -> 5665.68s] dedicata ad un paese qui vicino, come?
[5666.68s -> 5667.98s] A Roncoferrara.
[5668.30s -> 5674.06s] I legionari, no, di noi che vanno a combattere, penso in Etiopia, no,
[5674.18s -> 5675.94s] esaltati della guerra d'Etiopia.
[5676.66s -> 5679.92s] E anche lì, certo, il Comune l'ha fatto restaurare,
[5680.02s -> 5682.56s] mi sembra, anche con problemi con la sorrintendenza,
[5682.64s -> 5686.08s] che poi anche là l'ignoranza poi subere le buone intenzioni.
[5687.08s -> 5687.14s] E anche lì, certo, il Comune l'ha fatto restaurare,
[5687.16s -> 5692.62s] e senza una spiegazione, ecco, forse la terrellì con quello che si stava cercando,
[5692.66s -> 5695.44s] di spiegare chi sono questi legionari, che cosa stavano a fare lì,
[5695.52s -> 5698.60s] cosa hanno combinato, cosa abbiamo combinato in Etiopia,
[5698.68s -> 5700.26s] potrebbe essere anche pedagogico.
[5700.60s -> 5707.18s] Però, ripeto, è un dibattito su quale è difficile poi dar ragione a un,
[5708.40s -> 5711.00s] almeno per quanto mi riguarda, a una linea o all'altra.
[5711.34s -> 5714.14s] Secondo me buonsenso è un certo tipo di elasticità.
[5714.14s -> 5716.78s] Secondo me alcuni simboli vanno rimossi, come noi,
[5716.78s -> 5719.88s] c'era tutta la questione della stella di Axum, no?
[5720.40s -> 5722.76s] La restituiamo, non la restituiamo?
[5723.48s -> 5728.72s] Oppure, se andiamo più indietro, anche le figie del Partenone prese dagli inglesi?
[5728.80s -> 5730.36s] Cioè, sono dibattiti lungo periodo.
[5730.70s -> 5733.04s] Sicuramente la stella di Axum, dopo tante polemiche,
[5733.14s -> 5738.42s] l'abbiamo restituita negli anni Novanta, seppur a pezzi,
[5738.68s -> 5741.70s] nei primi anni del Duemila, con tutta una serie di polemiche.
[5741.70s -> 5746.30s] E, sì, diciamo, su questo, come dire,
[5746.30s -> 5750.80s] forse il dibattito da noi, poi è arrivato il Covid, si è un po' assopito,
[5750.80s -> 5753.80s] torna ogni tanto carsico a livello locale, ma...
[5754.54s -> 5759.74s] Io sarei per, come dire, una scelta di buonsenso, a seconda dei casi.
[5760.10s -> 5762.82s] Cioè, non sarei per abbattere le statue a prescindere,
[5763.40s -> 5768.34s] ma nemmeno per tenerle lì quando sono smaccatamente offensive
[5768.34s -> 5772.94s] e ci ricordano un periodo, appunto, quello del regime fascista
[5772.94s -> 5774.48s] che viene tutt'ora esaltato.
[5774.68s -> 5776.20s] Penso a Brindisi.
[5776.20s -> 5779.62s] La provincia sta spendendo non so quanti milioni di euro
[5779.62s -> 5784.98s] per esaltare questo grande basso rilievo sul Porto Canale
[5784.98s -> 5789.34s] che ricorda Mussolini e il re imperatore
[5789.34s -> 5794.22s] che hanno, quando è stata fondata la provincia nel 1927,
[5794.90s -> 5798.54s] sono glorificati come coloro che hanno fondato l'impero
[5798.54s -> 5802.96s] e dato una nuova via alla città di Brindisi e alla sua provincia.
[5802.96s -> 5804.44s] Ecco, magari eviterei di rimettere in atto...
[5804.44s -> 5805.44s] Ecco, magari eviterei di rimettere in atto...
[5805.44s -> 5806.18s] Ecco, magari eviterei di rimettere in atto...
[5806.20s -> 5813.08s] Mi sembra che purtroppo io vi devo salutare, vi ringrazio,
[5813.16s -> 5815.64s] vi chiedo scusa se vado via in maniera veloce,
[5815.76s -> 5817.86s] ma purtroppo rischio poi di perdere il treno.
[5817.96s -> 5819.68s] Spero che le cose siano state interessanti,
[5820.26s -> 5825.34s] lascerò questa documentazione a Giorgia per chi ne poterà fare uso
[5825.34s -> 5827.56s] e poi ho detto poco sulla Libia,
[5827.64s -> 5831.12s] che dicevo c'è sia il catalogo che poi la mostra
[5831.12s -> 5834.08s] e quindi magari avremo occasione anche nelle prossime elezioni,
[5834.26s -> 5835.16s] immagino, di tornarci.
[5835.60s -> 5836.12s] Grazie.
[5836.20s -> 5837.42s] Grazie e alla prossima.


9 ottobre 2021
I MANTOVANI E L'AVVENTURA COLONIALE
Spigolature in forma di teatro, ore 15.00
a cura di Zerobeat

Guarda la galleria fotografica dell'incontro
foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 foto 5 foto 6 foto 7 foto 8 foto 9


13 ottobre 2021, mercoledì
MANTOVA | Casa del Mantegna
via Acerbi 47, ore 17.00
PSICHIATRIA IN COLONIA
Luigi Benevelli

Guarda la galleria fotografica dell'incontro
foto 1 foto 2 foto 3 foto 4 foto 5 foto 6 foto 7
Ascolta la registrazione audio dell'incontro

Trascrizione dell'audio

Attualmente non disponibile


20 ottobre 2021, mercoledì
MANTOVA | Casa del Mantegna
via Acerbi 47, ore 17.00
CARTOLINE AFRICANE
Latino Taddei

Ascolta la registrazione audio dell'incontro

Trascrizione dell'audio

Attualmente non disponibile


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
IMSC tel. 0376 352706



© Provincia di Mantova. Tutti i diritti riservati.
Fed with free for non-commercial use tools by litterae.eu.